Creato da stella112 il 07/10/2005
INFORMAZIONI IN LIBERTA'
Citazioni nei Blog Amici: 247
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Contatta l'autore

Nickname: stella112
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 54
Prov: VI
 

Area personale

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

MaphiuaLutaoldworldorder5luca7011roby.milan62risanto1938mauro12_12luigicozziterzabucaappassionata71er.santmrita58ferrariofanogiovanni.lasalandraninon.77cesare.cesario
 

...

 

 

Sentieri più o meno giusti...

 

FORMANO UN UOMO

 

 

Ultimi commenti

Tutto grazie al dottor Ibebho per avermi aiutato a essere...
Inviato da: Anna Weichhaus
il 20/06/2021 alle 23:23
 
Testimonianza di Anna: Mi chiamo Anna, vengo dal Regno...
Inviato da: Anna
il 17/06/2021 alle 06:45
 
Mi chiamo Jimi Frost: Ho riavuto il mio ex  entro 24 ore....
Inviato da: Jimi Frost
il 16/06/2021 alle 23:53
 
Mi chiamo Jimi Frost: Ho riavuto il mio ex  entro 24 ore....
Inviato da: Jimi Frost
il 14/06/2021 alle 23:00
 
Il mio nome è Rebecca, Da: Regno Unito. Desidero...
Inviato da: Rebecca
il 12/06/2021 alle 21:15
 
 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

I miei Blog Amici

Citazioni nei Blog Amici: 247
 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

 

« Ricordi d'infanziaE' arrivata la neve!!!! »

Oggi vi consiglio un libro

Post n°465 pubblicato il 23 Novembre 2008 da stella112
 

In questo periodo sto leggendo il libro sotto presentato, ve lo consiglio vivamente, è semplice e ottimo. Vittorio Marchi, l'autore, con la sua semplicità spiega molte verità che ci circondano ma che noi non notiamo. 

Siamo davvero convinti di essere solo un aggregato di cellule, o siamo qualcosa di più? La morte ha un ruolo? E' necessaria? Chi muore? Siamo sicuri di morire? Ecco un libro che si pone delle grandi domande! Chi se le pone è un ricercatore, insegnante di fisica, che ha avuto per maestro scientifico, compagno di stanza e di studi Enrico Fermi. Ed è affidandosi all’attuale sviluppo del contesto scientifico che l’autore mette a disposizione informazioni e strumenti per lo scioglimento di convinzioni e credenze che alla luce della “ nuova scienza “ non appaiono più così ineccepibili. Per dirla con l’autore si tratta di: “ un viaggio analitico attraverso scienza e coscienza che si propone di sondare l’esperienze degli astronauti della scienza del mondo occidentale e quelle degli psiconauti della coscienza del mondo orientale, così inconsapevolmente vicini … E chi li ha ravvicinati? Le ultime scoperte della fisica quantistica”. Sapevate per esempio che i quanti sono particelle quando li guardiamo e onde quando non li guardiamo? Le proprietà di una particella non esistono finché non sono osservate. Può un fisico che si occupa del visibile arrivare a cogliere ciò che coglie il mistico, che indaga l’invisibile? Questo libro è la prova comprensibile che non si tratta più di scegliere e dividere, ma di armonizzare. TUTTO È UNO. “ Tu sei il mondo!” dicono i saggi. Ebbene lo afferma anche il principio fisico della simmetria assoluta, “Se effettivamente vogliamo un mondo migliore, nel bene e nel male, dobbiamo incominciare a capire che nessuno può sfuggire alla sua legge: quel mondo siamo noi”.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/Stella112/trackback.php?msg=5952047

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
maskera67
maskera67 il 24/11/08 alle 00:39 via WEB
credo di avere almeno 15 libri che parlano piu o meno dello stesso filone..leggerò di sicuro anche questo,anche se mescolare la scienza con dio è come mescolare un pensiero con un gesto concreto!la scienza si basa su effetti dimostrabili,mentre dio racchiude tutta una serie di presunzioni non dimostrabili se non con la cieca fede.probabilmente se la chiesa non ci avesse messo lo zampino e non avesse lucrato sul esistenza di un creatore e non avesse omesso fatti innegabili forse si presterebbe piu attenzione alla bibia.(elohim,dal antico testamento non significa colui venuto dal cielo..ma COLORO venuti dal cielo e che almeno una trentina di miracoli di gesu sono oggi sia fattibili che dimostrabili scientificamente.una persona presa a caso,oggi,con quello che ha normalmente nel borsello..un accendino,dei moderni farmaci,telefono,armi sarebbe un dio se andasse a colonizzare un popolo di 20.000 anni fa!quello che si dice oggi sarebbe stato motivo di rogo.come la teoria tolemaica,e altre deduzioni avveniristiche allora,scontate oggi.credo che non si trova la verita nel infinitesimente piccolo,bisogna alzare gli occhi al cielo..perche è da li che siamo venuti.
(Rispondi)
 
 
stella112
stella112 il 24/11/08 alle 00:58 via WEB
Maskera, non farti ingannare dal titolo, il Dio del titolo non è inteso come un Dio creato o venerato dalle religioni. Vittorio Marchi è uno scienziato non un prete (*_*).
(Rispondi)
 
 
 
maskera67
maskera67 il 24/11/08 alle 01:25 via WEB
eppure saro testardo..ho appena letto una recensione:"Inqualificabile. In copertina si legge sotto il nome dell'autore "...compagno di studi di Enrico Fermi" ma nel testo sappiamo che Marchi ha conosciuto un "insegnate" di fisica che conosceva Fermi: basterebbe questo a qualificare la serietà del testo e della casa editrice (che ribadisce il concetto nel fondo di copertina). Di fisico nel libro c'è solo l'effetto che provoca all'intestino il modo incomprensibile, barocco che rasenta lo sgrammaticato in cui é scritto, le immagini con disascalie ridicole che non trovano, peraltro, riscontri nel testo e le cose assurde passate verità scientifiche acquisite che vi si leggono. Un ulteriore danno gravissimo alla scienza olistica che é, invece, cosa seria. Il miglior esempio che ho incontraro in vita mia di cosa NON dovrebbe essere un libro"...a parte gli errori di ortografia che vengono volutamente enfatizzati credo che dimostrare le origini della vita guardando solo nel culo della gallina non sia il modo ne fisico ne religioso per dare risposte concrete.ipotizzando su una linea retta le varie teorie la religione si spinge all opposto della scienza..ma anche la scienza estremizzandosi si avvicina molto alla religione..arrivando al punto solo di ipotizzare,esattamente come fa la chiesa.come dice un famoso comico di zelig:"fatti non pugnette!a me sembra tutto molto chiaro..che riassumo in tre punti:1-dio creo l uomo a sua immagine,qundi clono se stesso o un suo simile.2-l essere umano non proviene dal mondo animale essendo di gran lunga superiore quindi lo considero una specie alloctona,cioe importata sulla terra da altri esseri umani,dapprima sotto forma di esperimento nel giardino del eden poi lasciata libera per vedere se l esperimento funzionava.3-come i salmoni che risalgono i fiumi,anche l uomo sente la necessita di trovare le proprie origini,altrimenti la voglia di esplorare l universo non avrebbe senso visto che la terra è esplorata solo per il 25% mari e oceani compresi ..con immutata stima,tuo maskera67
(Rispondi)
 
 
 
 
stella112
stella112 il 24/11/08 alle 10:16 via WEB
Tu non te ne rendi conto maskera, ma i tre punti da te riportati non sono altro che il riassunto di quello che sostiene Marchi (*_*)
(Rispondi) (Vedi gli altri 2 commenti )
 
 
 
 
maskera67
maskera67 il 24/11/08 alle 22:44 via WEB
leggero sicuramente il libro
(Rispondi)
 
 
 
 
stella112
stella112 il 25/11/08 alle 00:18 via WEB
Sarà una gran bella esperienza. Quell'uomo trasmette tanta serenità.
(Rispondi)
 
bluedintorni
bluedintorni il 24/11/08 alle 23:13 via WEB
Tutto è Uno... Io sono la parte di un tutto ma il tutto sta nella parte. Quando i fisici domandano alla luce se essa sia un'onda, la luce risponde di si, quando le chiedono se essa sia una particella, anche questa volta la luce risponde di si, un'unità quantica non è una particella né un'onda finché non compiamo un'osservazione, allora la "funzione d'onda" cade e noi otteniamo l'una o l'altra. Il fisico Erwin Schrodinger concepì un esperimento immaginario (una trappola mortale con un gatto dentro una scatola), chiamato il gatto di Schrodinger come paragone al dualismo particella/onda. L'esperimento dimostra che il gatto non sia né vivo né morto finché non si apre la scatola. Non ho letto il libro di Vittorio Marchi, in ogni caso l'argomento di questo post è molto interessante e non si può riassumere in poche righe. Uno dei più importanti esperimenti del 20° secolo è quello di Alan Aspect, è stato scoperto che sottoponendo a determinate condizioni - di rapporto - delle particelle subatomiche come gli elettroni, esse sono capaci di comunicare istantaneamente una con l'altra indipendentemente dalla distanza che li separa, sia che si tratti di 10 metri sia che si tratti di 10 miliardi di chilometri. E' come se ogni singola particella sapesse esattamente cosa stiano facendo tutte le altre. Gli elettroni di un atomo di carbonio del cervello umano sono connessi alle particelle subatomiche che costituiscono ogni salmone che nuota, ogni cuore che batte ed ogni stella che brilla nel cielo. Tutto compenetra tutto. Sebbene la natura umana cerchi di categorizzare, classificare e suddividere i vari fenomeni dell'universo.
(Rispondi)
 
maskera67
maskera67 il 24/11/08 alle 23:20 via WEB
chissa se esiste il Dio di Schrodinger
(Rispondi)
 
 
bluedintorni
bluedintorni il 24/11/08 alle 23:51 via WEB
La meccanica quantistica dice che il gatto si troverà in una condizione stranissima: nè vivo, nè morto. Sei TU a decidere riguardo alla sorte del gatto che resta in bilico per tutto il tempo precedente. In un certo senso hai già fatto tu stesso l'esperimento di Schrodinger mettendo Dio dentro la scatola. "Ogni essere umano è parte di un tutto chiamato Universo. Egli sperimenta i suoi pensieri e i sentimenti come qualcosa di separato dal resto: una specie di illusione ottica della coscienza. Questa illusione è una specie di prigione. Il nostro compito deve essere quello di liberare noi stessi da questa prigione attraverso l'allargamento del nostro circolo di conoscenza e comprensione, sino ad includere tutte le creature viventi e l'interezza della natura nella sua bellezza - Albert Einstein".
(Rispondi)
 
 
stella112
stella112 il 25/11/08 alle 00:27 via WEB
Per Dio noi intendiamo qualcuno di diverso da noi... definizione sbagliatissima a mio parere.
(Rispondi)
 
 
 
maskera67
maskera67 il 25/11/08 alle 00:36 via WEB
concordo a pieno..hai colto l'essenza.noi siamo i nostri creatori..e adesso non mi chiedere se è nato prima l'uovo o gallina
(Rispondi)
 
 
 
 
stella112
stella112 il 25/11/08 alle 11:06 via WEB
Bella domanda anche quella...ma in questa dimensione non POSSIAMO capire la risposta (*_*)
(Rispondi)
 
stella112
stella112 il 25/11/08 alle 00:11 via WEB
Quello che sostiene Marchi, quello che sostengono molti studiosi del settore, sono teorie supportate da intendimenti interiori che vanno oltre la naturale concezione umana. A certe verità, a certe rivoluzionarie ipotesi, perchè alla fine quasi sempre parliamo di ipotesi, non ci si arriva con il semplice studio della materia, ma attraverso l'apertura mentale che è necessaria per comprendere il tutto. E' così semplice da percepire, ma difficile da far capire (*_*). Con un telescopio o un microscopio, possiamo ingrandire quello che a occhio nudo non vediamo, con un microscopio, la particella più piccola che possiamo vedere non è detto che sia l'ultima della catena, anzi, non lo è di sicuro. Il punto centrale è che le scoperte della fisica ci hanno costretti, e ci costringono in continuazione, a rivedere drasticamente la nostra concezione della realtà.
(Rispondi)
 
stella112
stella112 il 25/11/08 alle 00:17 via WEB
Ma è così difficile da capire che il tutto non è altro che un unico "corpo" che vive in armonia e si sostiene in continuazione? Ecco perchè quando nel corpo alcune cellule impazziscono interviene lui stesso per far si che l'ordine primario di coesistenza e collaborazione non venga interrotto, uccidendo, se necessario, il virus invasore. L'UNO di cui parla Marchi. Sembra strano, ma alla fine dei conti si da e si prende in armonia con amore.
(Rispondi)
 
 
maskera67
maskera67 il 25/11/08 alle 00:44 via WEB
non mi risulta che tutti i mali vengano guariti dall'l'ordine primario di coesistenza. mi risulta che siano piu i casi di malattia fatale che di malattia benigna.qualche errore ci sara.a parte le banali influenze..la stramaggioranza di virus che ci fa visita è letale se non fosse per la medicina..una scienza dimostrabile...o la pillola funziona o muori.
(Rispondi)
 
 
 
stella112
stella112 il 25/11/08 alle 11:08 via WEB
Non guardare la questione da una posizione così bassa, alza alza (*_*)
(Rispondi)
 
stella112
stella112 il 25/11/08 alle 00:24 via WEB
Ecco qualcosa di interessante e spiegato con parole semplici che può far capire cosa intendo io nel commento precedente. " Secondo il modello standard che ha dominato per molto tempo la materia è composta da particelle, elettroni e quark, viste alla stregua di corpuscoli puntiformi indivisibili, privi di dimensione e di struttura interna. Il modello standard sostiene, e gli esperimenti lo confermano, che queste particelle si combinano in vari modi a formare protoni, neutroni e l’ampia gamma di atomi e molecole che costituiscono tutto ciò che vediamo. La teoria delle stringhe afferma tutt’altro: non nega il ruolo essenziale di elettroni, quark e tutto il resto, ma ritiene che queste particelle non siano puntiformi, bensì formate da un sottile filamento di energia, centinaia di miliardi più piccolo di un nucleo atomico (molto più piccolo di quanto possiamo attualmente misurare), simile a una cordicella." – La stringa è come fosse una piccola "unità di vibrazione".
(Rispondi)
 
 
maskera67
maskera67 il 25/11/08 alle 00:51 via WEB
ok ok ok ok getto la spugna,sono piu abituato alla fisicita,una bottigia di vino e chiacchere fino all alba.di questo passo ci lanciamo i volumi dell enciclopedia addosso...
(Rispondi)
 
 
 
stella112
stella112 il 25/11/08 alle 11:10 via WEB
Non servono mica tante encipledie sai, sarebbero solo molte parole scritte e poche capite (*_*)
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.