Creato da stella112 il 07/10/2005
INFORMAZIONI IN LIBERTA'
Citazioni nei Blog Amici: 247
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Contatta l'autore

Nickname: stella112
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 54
Prov: VI
 

Area personale

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

MaphiuaLutaoldworldorder5luca7011roby.milan62risanto1938mauro12_12luigicozziterzabucaappassionata71er.santmrita58ferrariofanogiovanni.lasalandraninon.77cesare.cesario
 

...

 

 

Sentieri più o meno giusti...

 

FORMANO UN UOMO

 

 

Ultimi commenti

Tutto grazie al dottor Ibebho per avermi aiutato a essere...
Inviato da: Anna Weichhaus
il 20/06/2021 alle 23:23
 
Testimonianza di Anna: Mi chiamo Anna, vengo dal Regno...
Inviato da: Anna
il 17/06/2021 alle 06:45
 
Mi chiamo Jimi Frost: Ho riavuto il mio ex  entro 24 ore....
Inviato da: Jimi Frost
il 16/06/2021 alle 23:53
 
Mi chiamo Jimi Frost: Ho riavuto il mio ex  entro 24 ore....
Inviato da: Jimi Frost
il 14/06/2021 alle 23:00
 
Il mio nome è Rebecca, Da: Regno Unito. Desidero...
Inviato da: Rebecca
il 12/06/2021 alle 21:15
 
 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

I miei Blog Amici

Citazioni nei Blog Amici: 247
 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

 

« Qualcosa da desiderareNegoziare un "contratto... »

I reality insegnano una grande verità

Post n°450 pubblicato il 07 Novembre 2008 da stella112
 

In questi ultimi anni hanno spopolato reality in TV in tutte le salse, dalla casa del Grande Fratello, alla Fattoria, entrambi sempre seguitissimi dal pubblico di tutte le età. In questi programmi viene sempre limitato l'apporto di cibo, che di solito, lo ci si deve guadagnare con varie performance ed è stato molto interessante notare il comportamento delle persone in mancanza dello stesso. Quando si ha veramente fame non esistono ceti sociali, non esistono regole e anche il buon senso viene a mancare.  Questo ci dovrebbe far riflettere. Nel mondo, non sono io a  dirlo, ma fior fior di scienziati, siamo decisamente in troppi, le risorse del nostro pianeta non sono sufficienti per alimentarci tutti. La crescita esponenziale delle popolazioni ha messo in allarme gli studiosi del caso chiedendo al mondo intero di cambiare rotta di comportamento. La globalizzazione ha fatto fare passi da giganti in termini tecnologici, finanziari, almeno per quanto riguarda le grandi potenze, ma allo stesso tempo ha allontanato le popolazioni dai campi che li rendevano autosufficiente per portarli a lavorare nelle nostre fabbriche trapiantate in India, Cina e via di seguito , mettendo nelle condizioni le popolazioni delle nazioni  di dover dipendere anche loro dal progresso per alimentarsi. Lavori, ti pagano e con quei soldi ti conpri il cibo, mentre prima eri autossufiente. Ci viene detto che consumiamo troppa carne, la stessa carne che assorbe troppa energia per l'apporto di cibo che ci viene dato, sto parlando dell'acqua, del frumento, del foraggio ecc., che servono per alimentare bovini e animali vari di cui ci cibiamo. Questo è solo un esempio che porto, ma ce ne sarebbbero molti altri per i quali vi potete facilmente documentare anche nel web. Qual'è il messaggio che vi voglio trasmettere oggi? Semplice, ci preoccupiamo di come investire i nostri soldi, dell'andamento delle borse, ma non ci rendiamo conto che alla fine saranno solo pezzi di carta che non possiamo mangiare. Si perchè, alla fine della storia, non sarà il denaro a mancare, ma il cibo. Quante volte abbiamo sentito dire che la prossima querra non sarà per il petrolio, ma per l'acqua? Personalmente tante , tante volte. I governi di tutto il mondo devono prendere atto di questo e cercare di porvi rimedio al più presto, prima che sia troppo tardi per poter fare qualcosa di concreto. Lo so, l'argomento di oggi è molto pesante, ma è necessario per invitarvi a una riflessione.  Ricordate che se manca il cibo... altro che guerra!!!  Ricordate inoltre che siamo quello che scegliamo di essere.
Chi sono io per dirvi questo? Io non sono NESSUNO, solo una voce nel deserto che grida ai 4 venti. Non sono nemmeno sicura che nel deserto ci siano i 4 venti!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/Stella112/trackback.php?msg=5830581

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
mark_red_one
mark_red_one il 07/11/08 alle 15:42 via WEB
Credo non serva e non basti fare riflessioni se non sono seguite dai fatti. I Media sono pieni di salotti che riflettono, di riflessionisti in gessati blu ecc. ecc. e bla bla bla. Ai governi ricchi (e sono ricchi anche quelli del Centrafrica, ma solo per le caste dominanti e signori delle guerre vari) non interessa il progetto di vincere la fame e la sete. Fate solo un'equiparazione: ci viene detto che 10/20 euro bastano a far vivere un essere umano; e allora cosa sarebbe se dal ns. 740 ci venisse sottratto un 0,30 del ns. reddito? Chi sarebbe quel cane che direbbe di no? Ma sappiamo già che squali voraci lo inghiottirebbero... Ma le piccole/grandi cose, quelle fattibili? Sprecare meno acqua, segnalare perdite d'acqua pubblica e pretendere che l'autorità provveda subito, FARE MENO RIFIUTI (vetro, ceramiche... che si lavano e non plastica da gettare) ecc. ecc. Io lo faccio... ma spesso vengo deriso, considerato UNO FUORI DALLA REALTA'.
(Rispondi)
 
sfiduciata0
sfiduciata0 il 07/11/08 alle 16:36 via WEB
ciao...C'è una frase famosa che dice" ogni piccola goccia serve a fare un oceano"..se ognuno di noi si impegnasse in queste cose "banali e semplici" si risolverebbe assai di più che aspettare i grandi politici,ma a volte è davvero difficile fare e non essere derisi!
(Rispondi)
 
bluedintorni
bluedintorni il 07/11/08 alle 21:00 via WEB
Al momento attuale possiamo sicuramente migliorare la sopravvivenza in questo pianeta e spero tanto nel migliore dei modi, dobbiamo pure considerare che in un futuro lontano la Terra non sarà più abitabile. Quale potrebbe essere la soluzione? La nuova era? Il 2012? Trasferirci in un'altro pianeta? Di recente gli scienziati hanno scoperto che in tutti i pianeti del sistema solare la temperatura è in aumento. Difficile fare una previsione a lunga scadenza, possiamo farla solo a breve scadenza: la prossima guerra sarà per l'acqua. Forse un salto spazio-temporale o una nuova galassia ci attendono... vuoi venire com me Roberta? Ti auguro un felice fine settimana dell'eternità :-)))
(Rispondi)
 
 
stella112
stella112 il 08/11/08 alle 01:46 via WEB
Penso che ci troveremo insieme lassù fra non molto... ma non in un'altra galassia, la stessa di ora, ma in un posto che è lo stesso di adesso solo molto diverso (*_*). L'eternità è uno status mentale e sarà felice sicuramente (*_*). Auguro lo stesso anche a te, ma tanto se sarai con me!!!!
(Rispondi)
 
mark_red_one
mark_red_one il 07/11/08 alle 22:22 via WEB
Blueedintorni, madonna come l'hai presa larga per invitare Roberta a venire con te! Però dai, un pò meno pessimismo... Così me la spaventi (non riesco a staccare la mano dai miei ammenicoli...).
(Rispondi)
 
 
stella112
stella112 il 08/11/08 alle 01:48 via WEB
(^_^) (^_^)... Tranquillo Mark, per spaventare me ci vuole ben altro e blue lo sa benissimo (*_*). P.s Non avrai mica ancora le mani sugli ammenicoli vero!!!!
(Rispondi)
 
pennanera400
pennanera400 il 07/11/08 alle 23:41 via WEB
Ciao Stella, hai perfettamente ragione, è un argomento di riflessione molto tosto,che però noi singolarmente ci troviamo impotenti a risolvere almeno in parte. Spesso mi capita di leggere,per il quale ho una grande stima, Sartori il quale preconizza ,in modo scettico tutto il male possibile di questa nostra terra. La causa principale a suo dire e le statistiche in questo lo conforta è l'aumento esponenziale della popolazione mondiale.Lui dice che la prima cosa da fare è insegnare, dove serve , la limitazione delle nascite con tutti i mezzi leciti. In ciò addita come colpevoli di negligenza i vari governi locali e non ultime le chiese. Pensiamo per un momento alla nostra chiesa, come atto pubblico dice e proibisce ai suoi fedeli che l'unico metodo limitativo delle nascite è quello naturale.Vallo a spiegare ai zulù (per dire). Dovremmo tutti a mio avviso fare uno sforzo per divulgare il più possibile comportamenti più mirati ad una politica della famiglia mirata al benessere della stessa.Ho anche un desiderio: che gli aiuti economici elargiti a quei popoli servano non a comperare cannoni! .Ciao
(Rispondi)
 
 
stella112
stella112 il 08/11/08 alle 01:54 via WEB
Il problema sta proprio nelle parole della tua ultima frase. Se invece di investire miliardi di dollari o euro per la costruzione o acquisto di armi, li spendessero per far fiorire quelle aree insegnando tante cose importanti a quei poveritti, il problema della fame nel mondo sarebbe risolto. Siccome a noi ci piace un sacco complicare le soluzioni semplici, non lo facciamo. I risultati poi sono quelli che vediamo. Siamo decisamente in troppi su questa terra perchè lei riesca a sostenerci, siamo noi che dibbiamo aiutare noi stessi aiutando lei. Aiutati che Dio ti aiuta.
(Rispondi)
 
SPOSATO_ma_BELLO
SPOSATO_ma_BELLO il 08/11/08 alle 16:22 via WEB
Buon fine settimana carissima Roby.. un sorriso.. Francesco
(Rispondi)
 
 
stella112
stella112 il 08/11/08 alle 23:05 via WEB
Grazie Francesco, un sorriso lo dedico a te... (*_*)
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 09/11/08 alle 12:15 via WEB
Siamo troppi su questa terra... Allora buttiamo una decine di bombe atomiche, un po' qui e un po' lì nelle varie zone del pianeta e riduciamo la popolazione del 30%. Ottima come soluzione, no? MA PER FAVORE!!! Ma che razza di discorsi sono: siamo troppi su questa terra? Se noi popoli del nord del mondo non consumassimo l'80% delle risorse mondiali, la terra sarebbe più, più ,più che sufficiente a mantenerci tutti. Smettiamola con queste ipocrisie (perché, tanto, poi va a finire che la colpa è sempre dei paesi "poveri", dove continuano a far figli!) e cominciamo ad assumerci noi le nostre responsabilità; cominciamo ad educare diversamente i nostri figli, a dir loro dei NO, tanto non muoiono! Boicottiamo seriamente grosse multinazionali come Coca-Cola, Nestlè ecc..., favoriamo il commercio equo-solidale e... continuiamo a far figli, soprattutto noi italiani (e, per italiani, intendo, ovviamente, anche gli stranieri che vivono e lavorano in Italia e che ne hanno acquisito la nazionalità): la nostra popolazione sta invecchiando con ritmi preoccupanti e non ce ne accorgiamo! Senza nuove forze lavoro giovani, come farà lo Stato a pagare le pensioni dei milioni di vecchi? Una civiltà senza bambini e senza giovani è ormai in agonia. Sì, la terra ce la farebbe tranquillamente a sostentarci tutti, se solo la rispettassimo veramente, ricordandoci, come disse quel grand'uomo di Benigni, che essa «l'abbiamo ricevuta in eredità... dai nostri figli!». Non credo sia necessario che aggiunga altri commenti. Chiedo scusa x lo "sfogo" e complimenti x un blog serio, ma molto serio! Davvero complimenti!
(Rispondi)
 
 
stella112
stella112 il 09/11/08 alle 22:48 via WEB
Praticamente hai detto quello che c'è scritto nel post partendo dalla fine (*_*). Che 7 miliardi di persone siano troppe però non sono io a dirlo ma chi certi conti li fa. Non parliamo solo di cibo, si parla di acqua, rifiuti ecc. Se si spendessero i soldi che si spendono per gli armamenti per sfamare chi sta morendo di fame la situazione sarebbe ben diversa. In ogni caso non siamo noi che dobbiamo preoccuparci a buttare qualche bomba per risolvere il problema demografico, la terra è come un corpo che combatte i suoi virus e quindi si cura da sè e lo ha dimostrato un sacco di volte (*_*).
(Rispondi)
 
 
stella112
stella112 il 09/11/08 alle 22:49 via WEB
Dimenticavo... grazie per i complimenti Anonimo.
(Rispondi)
 
vita_da_blog50
vita_da_blog50 il 13/12/08 alle 11:24 via WEB
...rimanere normali, non farsi prendere dallo sconforto e dalla depressione per queste riflessioni che sono frustranti perchè spesso non portano nessun beneficio se non quello di essermi sgravato un pò della schiacciante responsabilità verso il mondo e soprattutto verso i nostri figli.... rimanere normali, dicevo questa è la grande difficoltà e la grande sfida. grazie stella112 di esserci. complimenti.V.
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.