Creato da stella112 il 07/10/2005
INFORMAZIONI IN LIBERTA'
Citazioni nei Blog Amici: 248
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Contatta l'autore

Nickname: stella112
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 53
Prov: VI
 

Area personale

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

surfinia60Giorgio67Bfavolamia8giuseppe.teobaldellimax_noghifulten2009loursatermanna.boninoforza50FLORESDEUSTADhank010arndecoltalakverrellifabriziogiovinardi
 

...

 

 

Sentieri più o meno giusti...

 

FORMANO UN UOMO

 

 

Ultimi commenti

Per favore, leggi e contatta DR ISIKOLO se hai bisogno di...
Inviato da: Lara Rafael
il 19/09/2020 alle 11:45
 
Come questo grande uomo chiamato Dr Isikolo mi ha aiutato a...
Inviato da: Cristina Alen
il 18/09/2020 alle 17:49
 
Ciao sono qui per diffondere questa buona notizia in tutto...
Inviato da: Dora Sebastian
il 17/09/2020 alle 09:59
 
Tornare con il tuo ex amante, urgentemente con...
Inviato da: Barbara Damjam
il 15/09/2020 alle 14:52
 
Il DR ISIKOLO l'ha fatto di nuovo per me dopo avermi...
Inviato da: Vanessa Erik
il 13/09/2020 alle 18:46
 
 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

I miei Blog Amici

Citazioni nei Blog Amici: 248
 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

 

« Le delusioni della vita ...Lettera a un genitore   »

Che fatica essere un genitore…

Post n°8 pubblicato il 20 Gennaio 2006 da stella112
 
Foto di stella112

Quando avevo 18 anni vivevo il rapporto con mia madre molto male, la mia non era una madre attenta ai  miei bisogni primari e tra questi non dimentichiamo il dare affetto , non gliene faccio una colpa in quanto considero la sensibilità di una persona soggetta anche al grado di scaltrezza interiore sviluppata nell’arco della nostra vita, malgrado tutto sono diventata grande lo stesso . Mentre vivevo quegli anni immaginavo come sarei stata io come madre e mi ripromettevo di non fare gli stessi errori che mia madre aveva fatto con me, avevo anche pensato al nome che avrei dato a mia figlia, Valeria ,non so perché ma  quel nome mi rilassava. Tornando ai giorni nostri, mi sono ritrovata mamma di una ragazza che aveva una fretta di crescere inverosimile, ed è cresciuta sia fisicamente che mentalmente, a 14 anni voleva gli stivali con il tacco, la mini gonna, scollature,(per far vedere cosa poi non si sa  immagine a quell’età il loro corpo è ancora così acerbo che fanno tenerezza) . Il cellulare diventa intoccabile, ogni volta che suona la ragazza sparisce, chissà quali segreti avrà da conservare… Fin qui tutto bene, o per meglio dire, fa parte del gioco della vita il voler sentirsi donna quando sei a malapena una bambina, ed è qui che entra in gioco la mamma. Essere madre vuol dire saper leggere tra le righe, filtrare tutto quello che una figlia/o ti dice. Non sono mai stata favorevole alle sberle e nemmeno le ho mai date, non sono per i castighi o le proibizioni, solo in casi estremi e molto gravi. Se ho imparato qualcosa nella mia vita è parlare. A mia figlia ho detto chiaramente "tieni sempre presente che prima di tutto, ai miei occhi sei una persona e poi mia figlia”, con questo le ho voluto far capire che non la considero una mia proprietà, ma una persona che devo aiutare a crescere nel migliore dei modi. Recentemente ad un incontro organizzato dalla scuola di mia figlia  con uno psicologo ne ho sentite di tutti i colori, genitori che proibiscono al proprio figlio di vedere un DVD perché considerato un capriccio, figlie che  prendono per il collo il loro padre e picchiano la madre, devo ammettere che visto il comportamento della madre non mi meraviglio di tale risultato. Mi ha fatto piacere vedere una presenza massiccia di padri, ciò significa che qualcosa sta cambiando perché in passato delegavano molto spesso alle madri il compito di allevare i figli. Mi ritrovo spesso a pensare come sarà il passaggio dall’adolescenza alla pubertà della mia seconda figlia che ora ha 9 anni e malgrado ci sia già passata con la primogenita sento dentro quel misto di eccitazione ansia causato dal difficile mestiere chiamato genitore.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog