Creato da stella112 il 07/10/2005
INFORMAZIONI IN LIBERTA'
Citazioni nei Blog Amici: 247
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Contatta l'autore

Nickname: stella112
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 54
Prov: VI
 

Area personale

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

lanfricapfrancesco_biagio4sirsimon2009rossella1900.rsan.bartAnonimo.Locoprefazione09gemini0marco3960MAGNETHIKALaFormaDellAnimasimona_77rmmlr777Brezzadilunamalox60
 

...

 

 

Sentieri più o meno giusti...

 

FORMANO UN UOMO

 

 

Ultimi commenti

Joanne Lewsley è il mio nome. Tutto grazie al dottor...
Inviato da: Joanne Lewsley
il 26/01/2022 alle 10:01
 
Buon giorno, mi chiamo Emma. Sono qui per testimoniare...
Inviato da: Emma Clarke
il 12/01/2022 alle 15:02
 
Mi chiamo Greta Wood sono così entusiasta di aver trovato...
Inviato da: Greta Wood
il 12/01/2022 alle 09:49
 
Caro amato, Mi chiamo Jannette Kiel Adriana sono di...
Inviato da: Adriana
il 11/01/2022 alle 15:03
 
Ciao, sono Theresa Williams Dopo essere stata una relazione...
Inviato da: Theresa Williams
il 29/11/2021 alle 01:51
 
 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

I miei Blog Amici

Citazioni nei Blog Amici: 247
 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

 

« I reality insegnano una ...L'amicizia vera esiste? »

Negoziare un "contratto sessuale"

Post n°451 pubblicato il 08 Novembre 2008 da stella112
 

Il "contratto sessuale" è un utile strumento nel caso in cui i partner non trovino un accordo sulla frequenza dei loro rapporti sessuali. Il contratto accorda a ciascun partner la gestione di 3 sere a settimana: la settima è libera. Ogni partner decide se avere o no e come  avere, rapporti sessuali durante le proprie notti ; la decisione deve essere naturalmente rispettata dall'altro partner. Il vantaggio di questa soluzione sta nel fatto che il partner che desidera rapporti quotidiani riesce comunque a soddisfare buona parte dei propri bisogni, l'altro si sente notevolmente sollevato dallo stress che spesso le ripetute richieste del compagno gli provocano.

Questo è un "consiglio" che ho letto in un libro di Anna Hooper, diciamo che sono rimasta perplessa. Voi che ne pensate? Potrebbe funzionare?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog