Creato da stella112 il 07/10/2005
INFORMAZIONI IN LIBERTA'
Citazioni nei Blog Amici: 248
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Contatta l'autore

Nickname: stella112
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 53
Prov: VI
 

Area personale

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

surfinia60Giorgio67Bfavolamia8giuseppe.teobaldellimax_noghifulten2009loursatermanna.boninoforza50FLORESDEUSTADhank010arndecoltalakverrellifabriziogiovinardi
 

...

 

 

Sentieri più o meno giusti...

 

FORMANO UN UOMO

 

 

Ultimi commenti

Per favore, leggi e contatta DR ISIKOLO se hai bisogno di...
Inviato da: Lara Rafael
il 19/09/2020 alle 11:45
 
Come questo grande uomo chiamato Dr Isikolo mi ha aiutato a...
Inviato da: Cristina Alen
il 18/09/2020 alle 17:49
 
Ciao sono qui per diffondere questa buona notizia in tutto...
Inviato da: Dora Sebastian
il 17/09/2020 alle 09:59
 
Tornare con il tuo ex amante, urgentemente con...
Inviato da: Barbara Damjam
il 15/09/2020 alle 14:52
 
Il DR ISIKOLO l'ha fatto di nuovo per me dopo avermi...
Inviato da: Vanessa Erik
il 13/09/2020 alle 18:46
 
 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

I miei Blog Amici

Citazioni nei Blog Amici: 248
 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

 

« Ordine del giornoQuesito del giorno »

L'animale che è in noi

Post n°178 pubblicato il 02 Luglio 2007 da stella112
 

Immaginiamo di entrare in una stanza con molta gente: sono persone che non conosciamo, l'invito è giunto inaspettato e siamo usciti frettolosamente da casa.
Incominciamo a guardarci intorno, andiamo verso il tavolo con le bibite e ne approfittiamo per ascoltare le conversazioni e osservare le persone. Alcune ci attraggono, mentre per altre proviamo un leggero fastidio: sono individui che non solo non ci interessano, ma verso cui proviamo un'irrazionale sensazione di rigetto, cui potrebbe seguire anche un pensiero "non vorrei mai essere come lui" piuttosto che "come non mi piace quello...!"
Ora immaginiamo di diventare, come per magia, trasparenti.
Avviciniamoci alla persona che più delle altre non ci piace, osserviamola bene, sentiamo che cosa di negativo rappresenta per noi, analizziamo gli aspetti che più ci irritano, i gesti, le parole, la mimica faccile, il vestito, ascoltimo come parla, scopriamo il lavoro che fa, cogliamo i lati del suo carattere o quelli che ci sembrano possano esserne le caratteristiche...
E poi abbracciamola.
Abbracciarla?
Si, abbiamo appena incontrato un amico che pensavamo di avere perso per sempre: la nostra Ombra.
Dal libro "Diventare pienamente noi stessi", autrice Alessandra Zanuso.

Ho voluto farvi leggere come prefazione questo pezzo per introdurvi in un mondo che ci è tanto caro e vicino, ma allo stesso tempo lontano e sconosciuto. Noi stessi.  Molti di noi vivono il quotidiano con automatismo: pensano di sapere chi sono, si sentono sicuri di loro stessi, si sentono forti, non hanno domande da porsi. La loro vita procede su un binario in cui loro stessi e il loro "IO" non si scontrano mai, una vita parallela di cui l'una non sospetta l'esistenza dell'altra. Userò l'eufemismo usato anche dalla dottoressa Zanuso, ignorano la loro Ombra. Vi siete mai soffermati un momento ad ascoltare voi stessi? Ascoltare noi stessi significa  lasciare parlare quella vocina che popola la nostra mente anche nei momenti in cui sentiamo che è sbagliato fare una data cosa ma la facciamo lo stesso, quella vocina è la nostra "COSCIENZA". Tranquilli, non siete pazzi .  C'è chi la chiama "il terzo occhio", chi "sensibilità". Perchè una persona si comporta in una certa maniera ma vorrebbe non farlo? A volte ci capita di dire "é più forte di me". Che cos' è più forte di me? Ve lo siete mai chiesto?  Durante la nostra vita la mente matura e si evolve, solo allora si comincia a essere  coscienti di noi stessi.  In noi c'è il bene e il male, la nostra mente può pensare o addirittura attuare impulsi negativi quali l'omicidio, l'incesto, il male in ogni sua forma è in tutti noi fin dalla nascita, ma crescendo impariamo ciò che deve o non deve essere fatto. Maturiamo. Da qui la mia personale convinzione che dietro tanti atti terribili di base ci sia tanta immaturità seminata dalla mancanza di un'adeguata "educazione" venuta a mancare durante la crescita, da non confondere con il significato puro della parola stessa. Una persona può essere educata nel modo di porsi perchè obbligata a tale comportamento in quanto timorosa di subire una punizione, ma non esserlo veramente. La nostra vita ci incuriosisce, vogliamo vedere di cosa siamo capaci, vogliamo vedere che cosa succede, siamo registi di noi stessi, sarà la nostra curiosità ad aprirci la strada. Spesso ci nascondiamo paure che culliamo dentro come tesori nascosti, ma solo nel momento in cui metteremo in contatto le due parti di noi e lascemo che comunichino tra loro queste paure svaniranno. Sarà come far vedere a un bambino che dentro l'armadio non c'è nessun orco... NOI siamo carne e anima. Istinto e intelletto. Sarà dura mettere d'accordo gli uni con gli altri, ma questa è l'evoluzione.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog