Creato da stella112 il 07/10/2005
INFORMAZIONI IN LIBERTA'
Citazioni nei Blog Amici: 247
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Contatta l'autore

Nickname: stella112
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 54
Prov: VI
 

Area personale

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

MAGNETHIKALaFormaDellAnimasimona_77rmmlr777Brezzadilunamalox60triade.mfulten2009annamatrigianofzalfateddy66peppe.kncemelina_maSuperliberuseugeniaandre
 

...

 

 

Sentieri più o meno giusti...

 

FORMANO UN UOMO

 

 

Ultimi commenti

Ciao, sono Theresa Williams Dopo essere stata una relazione...
Inviato da: Theresa Williams
il 29/11/2021 alle 01:51
 
Questa è la mia testimonianza sull'ottimo lavoro di un...
Inviato da: Margarete
il 29/11/2021 alle 01:49
 
Mi chiamo Laura Mattis ed ero alla disperata ricerca di un...
Inviato da: Laura Mattis
il 23/11/2021 alle 11:18
 
Ho visto un commento online su come UDAMA ADA abbia...
Inviato da: Maria Nowak
il 19/11/2021 alle 18:19
 
Ho visto un commento online su come UDAMA ADA abbia...
Inviato da: Maria Nowak
il 19/11/2021 alle 18:18
 
 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

I miei Blog Amici

Citazioni nei Blog Amici: 247
 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

 

« Le emozioni ci fanno dav...Tumore, acidità e inibit... »

Talento, frequenze e DNA

Post n°3845 pubblicato il 15 Febbraio 2018 da stella112
 

Scritto da: Carmen Di Muro 

 

Talento, frequenze e DNA

 

La scienza oggi ha scoperto come le sole indagini molecolari del DNA non siano in grado di svelare la moltitudine di fenomeni biologici che avvengono nel nostro corpo. Esiste un'informazione sovraordinata, molto più sottile, che controlla l'accensione e lo spegnimento dei geni. Il nostro DNA non solo è depositario dell'informazione necessaria per il funzionamento cellulare dell'organismo, ma in realtà è una struttura di risonanza elettromagnetica dinamica in grado di immagazzinare, trasmettere e modificare informazioni essenziali che riguardano ogni dimensione della nostra esistenza.

Esso, infatti, funge da internet biologico e può essere attivato dalle frequenze a cui, quotidianamente, siamo sottoposti. Campi elettromagnetici di intensità e frequenza ultrabassa possono modulare l'attività proliferativa cellulare, nonché l'azione di anticorpi e neurotrasmettitori. Le cellule del corpo umano hanno codice genetico identico che fa di ciascuno di noi un individuo unico e diverso da tutti gli altri, ma pur contenendo identico DNA, sono differenti tra loro proprio grazie all'azione del codice epigenetico, ossia l'insieme di quei segnali mediati dall'ambiente e, più significativamente, dalle nostre percezioni di quell'ambiente che veicolano e modificano l'informazione all'interno dei nostri geni. Questi segnali non sono soltanto di natura chimica, ma soprattutto elettromagnetica.

Che cos'è il talento?

Ciò è di fondamentale importanza nella comprensione che nella profondità della materia vivente, dove alberga la sequenza prima che determina la nostra unicità genomica, non c'è trascritta soltanto l'informazione che permette al nostro organismo di funzionare in modo perfetto. In essa sono contenute delle tracce vibrazionali di individualissime capacità che ogni individuo di per sé possiede. Esse altro non sono che singolari e sconosciuti talenti, potenzialità racchiuse nel nostro essere, che possono restare sommerse per tutta la vita senza manifestarsi se non vengono opportunamente stimolate nel corso del tempo. Il talento è un'energia creativa che vive dentro ognuno di noi che, lasciata libera, porta ogni persona alla sua piena e spontanea realizzazione. È l'attitudine a seguire il proprio destino, al quale si può accedere in qualsiasi momento. Ognuno è portatore di questa straordinarietà che ci rende individui unici e irripetibili. Il saper fare una cosa in modo migliore rispetto ad altre persone, implica che tali sequenze si siano attivate nel corso della nostra vita, perché sono state stimolate dalla giusta frequenza informatizzata che ha permesso loro di esprimersi spontaneamente.
Siamo network biologici in grado di captare, immagazzinare e modificarci in virtù dell'incessante flusso di informazioni a cui siamo esposti nel corso della nostra esperienza di vita.

Nel momento in cui frequentiamo determinati contesti in modo continuativo, la nostra sfera profonda si adatterà inscindibilmente alle frequenze maggiormente presenti intorno a noi. Il problema sorge quando l'ambiente è carico di frequenze basse e disarmoniche. Per esempio, ambienti poco stimolanti, trapuntati da sentimenti di bassa intensità causeranno sin dall'infanzia un addensamento energetico, facendo sì che le vibrazioni personali si adattino radicalmente alla vibrazione dominante del contesto di appartenenza. La familiarità con vibrazioni di polo negativo, a lungo andare causerà inevitabilmente una sofferenza dell'anima che non sarà più in grado di esprimere pienamente le sue potenzialità, e questa disarmonia si riverserà sul corpo, alterando pian piano la struttura e le catene di congiunzione del DNA.
Si attivano, così, sequenze genomiche disfunzionali, piuttosto che geni funzionali a mobilitare e far emergere i nostri talenti sconosciuti. L'ambiente in cui cresciamo influenza il nostro destino risvegliando geni "addormentati" o lascandoli per sempre "silenti". Ai geni serve solo tempo per sincronizzarsi l'uno con l'altro e con l'ambiente, e un talento può modificarsi in un altro, nel momento in cui l'ambiente esterno fornisce le frequenze armoniche adatte al risveglio di geni fino a quel momento addormentati. Nulla impedisce quindi che un artista diventi uno scienziato, o viceversa, o che si possano scoprire delle capacità anche in tarda età.

fonte

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog