bigbabol

LA FUGA DEI CERVELLI

Creato da pucci981 il 09/01/2006

Contatta l'autore

Nickname: pucci981
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 36
Prov: PD
 

Ultime visite al Blog

claudiogenova1957missxenyavale.bresciani1995andrea.amelottigiovanni.morecisimona_foschinifaintlouis68d.pastore3vitomennellaCare_194alemilanoserenovariabile4danilo_ferrettinataliyakozakemamilano
 

CI AMATE IN

site statistics
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 312
 

Tag

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 



 

 

« MA CHISSENE DELLE ROSEPERCHè UN'AMICA è MEGLI... »

MISURE "FAI DA TE"

Post n°1241 pubblicato il 20 Febbraio 2012 da pucci981
Foto di pucci981

Noi donne, fin da piccole, subiamo lo stress psicologico causatoci dal maschio sulla forma e quantita delle nostre tette. Le tette ci condizionano fin da ragazzine quando l'età dello sviluppo arriva a cambiare le fisionomie di tutte le tue compagne di classe, e un po' come nella canzone di fabri fibra, a tutte...tranne a te.
E quando il tuo compagno di banco sbava dietro alla Maionchini di V° superiore, che come V° non ha solo la classe, e non si accorge di te nemmeno se gli passi il compito di matematica, capisci che puoi avere anche gli occhi blu, i capelli profumati e la media del 9 in pagella, ma senza le tette il mondo non ti sorriderà mai. Vessate da questa paranoia inflittaci, subiamo da anni anche le pretese maschili su grandezza e forma, e una serie di metafore ortofrutticole si son fatte spazio nell'immaginario comune. Così in natura troviamo i seni a mela, a pera, a ciliegia, due meloni, angurie e le poco amate cipolle... Chi di noi da ragazzina non ha mai aperto la credenza dove mamma teneva il servizio buono e ha provato ad infilare la tette dentro le coppe di champagne?! Ed arrivare a mettere i propri seni dentro la cristalleria non è mica tanto sano eh! Ma vi capisco, perchè a noi con sta storia della coppa di champagne ci hanno fatto il lavaggio del cervello! E insomma, a distanza di anni, e dopo averle fatte generosamente toccare a numerose mani maschili, che internos poi parlan parlan ma con ste tette non sanno nemmeno bene che farci, ancora non abbiam compreso come debban essere. Pronto e sveglio il genio maschile da subito ci serve una prova pratica e concreta per togliere ogni dubbio: quella della matita. Si dice che la tetta perfetta sia quella che se ci infili sotto una matita non la trattiene ma la fa cadere al suolo. Agevolate le piatte direte voi, invece no, perchè tale regola entra in vigore dalla terza in poi, come a mettere da subito fuori gara quelle che per dare una parvenza sotto la maglia son costrette a ricorrere al push up di intimissimi che ragala taglie in più. Si, amiche, abbiamo subito troppo, questa cosa delle tette ci sta condizionando la vita in modo ecessivo, ed è ora di riprenderci una sorta di rivincita personale. Alla fine poi a dire il vero sessualmente a che servono le tette? A ben poco, qualche strizzatina, qualche strusciatina, ma se entriamo nel tecnico tetta o non tetta, gli attrezzi del mestiere principali son ben altri.
Anche l'uomo fin da ragazzino comprende che per esser preso in considerazione dal gruppetto di compagni dovrà fare ben altro che tirare un bel calcio mirato in campo, e che quello che fa la differenza si misura invece in spogliatoio, sotto la doccia!
Cresce così già con l'ansia da prestazione, e da quando è arrivato "Sex and the City", che ha guardato anche se non ve lo confesserà mai, ha scoperto che per quanto generose possiamo essere nel voler sdramatizzare l'argomento, quando diciamo "le dimensioni non contano" , fossimo di legno, ci si allungherebbe il naso. Perchè cari compagni, purtroppo cascate male se pensate che le proporzioni del vostro amico lì sotto, siano da paragonare a quelle del regalo sotto l'albero. Quello più è piccolo più è di valore, mentre per il vostro coso..beh, non lo si misura mica in carati purtroppo. Il vostro dramma esistenziale è ancor più sentito dal momento in cui si è fatta strada la consapevolezza che comunque ce l'abbiate, la vostra donna, nel corso della sua vita, molto probabilmente ne ha incontrato di sicuro uno di piu grande. Ma noi che ben comprendiamo le vostre domande esistenziali e siamo vicine ai vostri dubbi di virilità quasi a volervi fare un favore abbiamo formulato una prova "fai da te", si insomma, una risposta che potete darvi da soli chiusi dentro le quattro mura della vostra cuccia, lontani da occhi indiscreti, per arrivare ad una maggiore consapevolezza di voi stessi e di quello che avete da offrire al mondo femminile.
Assillati dalla domanda "ce l'avrò della misura ideale?", recatevi in bagno per la consueta, mi auguro, doccia giornaliera. Lì sotto, se l'impianto è funzionante, dovreste essere in grado di alzare manualmente la vostra bandiera, quindi come a voler impastare un dolce Cammeo, impastate fino ad ottenere un composto solido e mettete sul fuoco ma giustamente non portate ad ebbollizione, altrimenti poi il soufflè si sgonfia! Fatto ciò, ottenuto il risultato più interessante al quale vi sembra di poter aspirare, uscite dalla doccia e assumete la posa dell'attaccapanni. Questo dovrete essere, degli attaccapanni viventi, al quale appendere asciugamani. Ora se al chiodo riuscite senza fatica ad appendere un asciugamano da corpo, quelli grandi per intenderci che quando vai in hotel te li trovi posati addosso al termo, caldi pronti ad abbracciarvi dopo la doccia, ecco se riuscite pure a farci due passi senza far cascare l'asciugamano dal chiodo, gioite, perchè a voi appartiene il regno dei cieli... e se non proprio a voi nello specifico, di sicuro alle vostre amanti. 
Se invece l'asciugamano ideale da appendere al vostro chiodo è quello da viso o da bidet, beh insomma, siate ottimisti perchè anche se le mezze stagioni non ci sono più, le mezze misure non son poi così malaccio, specie se accompagnate da tecnica e paliativi, ciò vi sia utile per capire che forse dovrete metterci un poco più d' impegno, dovrete giocare un po' di fantasia, dovrete sincronizzare i movimenti, ma alla fine anche voi mezzani potreste avere buoni risultati.
Ok...agli altri che resta vi chiederete? Beh forse i fazzoletti da naso, un Tempo, si, o due rettangolini di carta igienica Foxy, o una salviettina rinfrescante, bhe non dimentichiamoci lo Scottex..si a loro da appendere resta questo, mica per reggere... ma per coprire va che è meglio!!!!!  

 
 
 
Vai alla Home Page del blog