Creato da stella112 il 07/10/2005

Comunicare

Quello che penso

 

 

BISOLVON - RITIRATO LO SCIROPPO PER LA TOSSE

Post n°2540 pubblicato il 18 Dicembre 2014 da stella112
 

 

OGGI L'ENNESIMO ALLARME SULLA SICUREZZA DEI FARMACI E' DILAGATO IN TUTTA ITALIA. L'Agenzia Italiana del Farmaco ha vietato l'utilizzo del medicinale BISOLVON 2 mg con decorrenza immediata. La soluzione è un medicinale di automedicazione che è usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente riconoscibili e risolvibili senza ricorrere all'aiuto del medico. Può essere quindi acquistato senza ricetta ed è indicato nel trattamento delle turbe della secrezione (per esempio presenza di tosse e catarro) nelle affezioni respiratorie acute e croniche.Un comunicato dell'AIFA, l'Agenzia Italiana per il Farmaco è eloquente nel precisare che: "A seguito della comunicazione della ditta concernente risultati fuori specifica per contenuto di principio attivo e di conservante, ai sensi de|l'art. 70 del D. L.vo 219/2006 e per la motivazione sopra evidenziata, comunicasi, il ritiro da parte della ditta del medicinale "BISOLVON 2 mg/ml SOLUZIONE ORALE FLACONE 40 ml", AIC n. 038285019, lotti n. 933065A scad. 30/11/2014, n. 933067A scad. 30/11/2014, n. 13125/LA scad. 29/02/2016, n. 131255A scad. 29/02/2016, n.131256A scad. 29/02/2016, n. 2311188 scad. 28/02/2017, n. 231119A scad. 28/02/2017, n.231120B scad. 28/02/2017, ditta BB Farma Srl, sita in Samarate (VA), Viale Europa 160. Resta inteso che, nelle more del ritiro, i Iotti sopra riportati non potranno essere utilizzati. 'La ditta BB Farma Srl dovrà assicurare l'avvenuto ritiro entro 48 ore dalla ricezione della presente comunicazione. Il Comando Carabinieri perla Tutela della Salute è invitato a verificare l'avvenuto ritiro e, in caso di mancato adempimento da parte della ditta interessata, procederà al sequestro dei lotti del medicinale. In virtù di tale comunicazione, Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti", raccomanda ai pazienti in trattamento con il medicinale di verificare il numero di lotto e, nel caso corrispondesse a quello ritirato, di sospenderne l'uso e di rivolgersi al proprio medico per una nuova prescrizione. Sempre al medico di famiglia gli assistiti potranno rivolgersi per ottenere qualunque tipo di chiarimento sul provvedimento e per avere maggiori informazioni sui motivi che hanno portato al ritiro dal mercato del BISOLVON 2 mg/ml.


Redatto da Pjmanc: www.ilfattaccio.org

 

 

 
 
 

Nostradamus e le sorprendenti profezie per il 2015, tra catastrofi e nuove scoperte !!

Post n°2539 pubblicato il 18 Dicembre 2014 da stella112
 

 

La storia dell'umanità ci ha sempre narrato di individui speciali, in grado di annunciare eventi futuri, a volte catastrofici, di ammonire i popoli allo scopo di evitare che si verifichino, promettendo, nel contesto delle religioni ad esempio, ricompensa o castigo.Alcuni sono stati ufficializzati, altri addirittura dogmatizzati nelle fedi ebraiche, cristiane, islamiche etc, altri sono stati ignorati o sono rimasti relegati nell'ambito delle culture alternative. 
Le loro fonti sono spesso disparate ma sempre di origine soprannaturale, quindi non controllabili, divine o esoteriche/iniziatiche ad esempio (Dio, Akasha etc ..).Le opere di Nostradamus, al secolo Michel de Nostredame, sono state tradotte/interpretate da numerosi studiosi e ritornano ciclicamente in auge. Vediamo a grandi linee, un po' per gioco e un po' per ricordare gli ammonimenti talvolta utili in esse contenute, cosa annuncerebbero le sue profezie per l'anno venturo..Catherine
Nato in Francia nel dicembre 1503, Nostradamus è ampiamente conosciuto come "profeta di morte", perché molte delle sue visioni sono state associate con la morte e la distruzione. Gli esperti ritengono che le profezie di Nostradamus predissero il "regno" di Adolph Hitler, la Rivoluzione francese, l'incidente dello space shuttle Challenger, il grande incendio di Londra, e gli attacchi del 11 Settembre 2001. Nostradamus aveva deciso di tradurre tutte le sue profezie in un libro pubblicato nel 1555 intitolato "Le Profezie".
Le profezie di Nostradamus sono state studiate per secoli da grandi studiosi e oggi molte di queste profezie rimangono ancora un mistero indecifrabile. Alcuni pensano che ogni visione fosse come un puzzle che aveva bisogno solo dei pezzi giusti per risolverlo. Anche se gli scettici credono che le profezie di Nostradamus siano state solo la pura fantasia di un medico fallito, alcuni esperti sono convinti che quasi la metà di esse si sia già realizzata. Ma cosa dicono le profezie di Nostradamus per l'anno 2015? 
Le profezie di Nostradamus per il 2015 prevedono eventi terribili che cambieranno radicalmente il nostro mondo così come lo conosciamo. Secondo il profeta francese, nel 2015 i morti risorgeranno dalle loro tombe, il mondo dovrà affrontare nuovi cambiamenti tra le nazioni e ci saranno gravi calamità naturali che lo scuoteranno.Ecco di seguito alcune delle profezie di Nostradamus per il 2015... Radiazioni contaminanti da Fukushima
Secondo gli esperti delle profezie di Nostradamus, nel 2015 la centrale nucleare di Fukushima rilascerà una grande quantità di radiazioni, a causa di un possibile terremoto, tsunami o l'uragano che causerà gravi difetti strutturali nei reattori. Una volta che tutto ciò si compirà, i media mondiali tenteranno di minimizzare l'incidente, affermando che il rilascio di radiazioni sarà insignificante.
L'acqua radioattiva influenzerà l'ecosistema, la fauna marina sarà drasticamente inquinata. La contaminazione radioattiva interesserà i pesci tropicali i quali si sposteranno anche in Alaska o in California, insieme con i luoghi che circondano l'attuale flusso degli oceani. Per l'ignoranza e la mancanza di informazioni, le persone continueranno a consumare pesce contaminato e molte specie, come il tonno, scompariranno. Il Giappone e la Cina subiranno una crisi senza precedenti causata dalla contaminazione radioattiva.
Terremoti insoliti e inondazioniTerremoti con un'intensità mai registrata prima scuoteranno molte aree del nostro fragile pianeta. La Cina è uno dei paesi che subiranno maggiormente l'ira dei terremoti che dal 2015 causeranno migliaia di morti. Nell'inverno del 2015, la "cintura di fuoco del pacifico" registrerà certamente un'attività insolita. Ancora una volta, causerà gravi terremoti e l'eruzione di tre vulcani.
Le inondazioni in tutto il mondo batteranno tutti i record. Vedremo i media mondiali informare costantemente riguardo tempeste e disastri legati al clima. Ci saranno tifoni mai visti prima che interesseranno paesi come la Cina, il Giappone e persino l'Australia. La Russia sarà anch'essa gravemente colpita da eventi meteorologici estremi e i fiumi traboccheranno.Le differenze tra lingue scompariranno
Nostradamus predisse anche che, come "prima della Torre di Babele", ci sarà una sola lingua, grazie all'invenzione di quello che ha definito "un nuovo motore", una sorta di macchina di traduzione universale che porterà alla fine delle differenze e incomprensioni linguistiche tra nazioni.

Collasso dell'economia mondiale
Nostradamus ha predetto che "i ricchi moriranno molte volte." La profezia di Nostradamus per il 2015 coincide con la previsione dell'economista Martin Armstrong, che ha affermato che a causa del crescente risentimento contro lo "status quo", a causa della disuguaglianza economica, è più che probabile che tutto finisca in un "collasso finanziario" prima del 2016.
"Una grave catastrofe economica avverrà prima del 2016. L'economia come la conosciamo oggi sparirà e ci saranno disordini civili e la rivoluzione", ha scritto Armstrong.

La grande eruzione del Vesuvio
Nel 2015 ci sarà una grande eruzione del Vesuvio, che scuoterà tutta l'Italia. Secondo i principali geologi e vulcanologi italiani, il Vesuvio a Napoli è molto più di un vulcano attivo e una grande eruzione è prevista nel prossimo futuro. Si ritiene che questa grande eruzione possa avere luogo a fine 2015 o all'inizio del 2016 e potrebbe trattarsi della peggiore eruzione del Vesuvio, una fu nel 79 e l'altra nel 1631 D.C. (le due peggiori eruzioni della storia). In questo disastro senza precedenti periranno almeno tra le 6.000 e le 16.000 persone.
Grande terremoto negli Stati Uniti
Anche se inizialmente può cominciare come un grande terremoto, il vero pericolo è un'eruzione vulcanica definita "eccellente". Gli esperti hanno da tempo avvertito che il Monte Sant' Elena nello stato di Washington, è molto sensibile ai terremoti e questo potrebbe essere attivato prima del maggio 2015.
Gli esseri umani impareranno a parlare con gli animali
Una delle previsioni più sorprendenti di Nostradamus per il 2015 è il progresso della scienza nel campo della telepatia, sarà possibile per le persone parlare con i loro animali domestici e animali da fattoria. Questo porterà ad un aumento di vegetarianismo e, come Nostradamus stesso ha detto: "il maiale diventerà un fratello per l'uomo".
Per coloro che dubitano delle profezie di Nostradamus, in agosto 2014 un gruppo internazionale di ricercatori è riuscito ad inviare una e-mail da persona a persona attraverso un"interfaccia umana da cervello a cervello".
Le radiazioni solari brucerànno la nostra terra
"I re ruberanno le foreste, il cielo si aprirà, e i campi saranno bruciati dal calore" scrisse Nostradamus. Per alcuni esperti, questa profezia è un chiaro avvertimento sulla prossima distruzione delle foreste pluviali e dell'aumento dello strato di buco dell'ozono, che provocherà un'esposizione della Terra alla radiazione solare.

Immortalità
Non si poteva non terminare questa lista di profezie per il 2015, con la scoperta dell'elisir di lunga vita. Gli scienziati arriveranno a scoprire l'elisir della longevità, portando le persone ad essere in grado di vivere fino a 200 anni. Da segnalare che, sebbene molte persone potranno vivere fino a 200 anni, un altra grande fetta perirà a causa di gravi catastrofi.
I morti resusciteranno"Non lontano dall'età millenaria, quando non ci sarà più spazio nell' inferno, i morti lascieranno le loro tombe". Nostradamus qui avvertì i suoi seguaci. È interessante notare che questa profezia di Nostradamus coincide con le profezie del Nuovo Testamento, dove Giovanni Evangelista descrive un evento simile che dovrà svolgersi sulla Terra, conosciuta come Apocalisse. Secondo i testi religiosi, il primo segno dell'Apocalisse sarà la comparsa di un falso Messia, le cui azioni saranno paragonate con quelle di Gesù.
E' chiaro che per i più scettici Nostradamus fu un falso profeta. Ma per i credenti nelle sue profezie, fu un visionario che ha predetto molte gravi catastrofi della nostra storia. Scettici o meno non ci resta che sperare che gli esperti di queste profezie si siano sbagliati nel decifrare quelle per il 2015

.
FONTE: http://crepanelmuro.blogspot.it/2014/12/nostradamus-e-le-sorprendenti-profezie.html 

 

 
 
 

ECCO PERCHE' NESSUNO SI RIBELLA AL SISTEMA!!!

Post n°2538 pubblicato il 18 Dicembre 2014 da stella112
 

 

Ti sei mai chiesto perché nessuno reagisce di fronte all'infame ondata di oppressione e abuso di ogni tipo che stiamo subendo? Non rimani perplesso del fatto che non succede assolutamente nulla, viste le tante rivelazioni di casi di corruzione, ingiustizia, rube
rie e prese in giro della legge e della popolazione in genere, alla quale si è rubato letteralmente il presente e il futuro? Ti sei mai chiesto perché non scoppia una rivoluzione di massa e perché tutti sembrano essere addormentati e ipnotizzati? In questi ultimi anni ogni tipo di informazioni che dovrebbe aver danneggiato la struttura del Sistema fino alle sue fondamenta, è stata resa pubblica, eppure questa stessa struttura continua a essere intatta senza neppure un graffio superficiale. Questo rende palese un fatto veramente preoccupante che sta sotto il nostro naso e al quale nessuno presta attenzione.Il fatto che CONOSCERE LA VERITA' non importa a nessuno, sembra incredibile, ma i fatti lo confermano giorno dopo giorno.
L'informazione non è rilevante.Rivelare i più oscuri segreti e renderli di dominio pubblico non produce nessun effetto, nessuna risposta da parte della popolazione per quanto i segreti siano terribili e scioccanti.Per decenni abbiamo creduto che chi lottava per la verità, gli informatori capaci di svelare fatti nascosti o mettere in piazza i panni sporchi potevano cambiare le cose, potevano alterare il divenire della storia.

Siamo cresciuti in realtà, con la convinzione che conoscere la verità era cruciale per creare un mondo migliore e più giusto e di chi lottava per rivelare il nemico più grande dei potenti tiranni.E forse per un periodo è stato così.Oggi, però, "l'evoluzione" della società e soprattutto della psicologia di massa ci ha portato a un nuovo stato di cose: uno stato mentale della popolazione che non avrebbe osato immaginare il più alienato dei dittatori. Il sogno di ogni tiranno della faccia della terra: non dover nascondere né occultare niente al suo popolo.

Poter mostrare pubblicamente tutta la sua corruzione, malvagità e prepotenza senza doversi preoccuparsi di alcuna risposta da parte di quelli che opprime. Questa è la realtà del mondo in cui viviamo. E se credete che questa sia un'esagerazione, osservate voi stessi ciò che vi circonda.
Il caso della Spagna è lampante. Un paese immerso in uno stato di putrefazione generalizzato, divorato fino all'osso dai vermi della corruzione in tutti gli ambiti:

  • giuridico
  • industriale
  • sindacale
  • politico (soprattutto)

Uno stato di decomposizione che ha ecceduto tutti i limiti immaginabili, fino a infettare con la sua pestilenza tutti i partiti politici in maniera irreparabile.Eppure, nonostante siano resi pubblici continuamente tutti questi scandali di corruzione politica, gli Spagnoli continuano a votare per la maggior parte gli stessi partiti politici, dando tuttalpiù alcuni dei loro voti a partiti più piccoli che non rappresentano in nessun modo una possibilità reale. E potremmo continuare così per tutte le comunità autonome o il governo proprio centrale dove le due grandi famiglie politico-criminali del paese, PP e PSOE, si sono dedicate a saccheggiare senza alcuna moderazione.
nonostante siano stati resi pubblici tutti questi casi di corruzione generalizzata, siano state rivelate le implicazioni delle alte sfere finanziarie e industriali con il tacito consenso del potere giuridico, la dimostrazione che in forma attiva o passiva riguarda il Sistema in tutti gli ambiti e si rende impossibile la creazione di un futuro sano per il paese, nonostante tutto ciò, la risposta della popolazione è stata... non fare niente.La cittadinanza ha risposto al massimo con "l'esercitare il legittimo diritto di manifestazione", un'attività molto simile a quella che fa la massa quando la sua squadra di calcio vince una competizione ed esce per strada a celebrarla.  Nessuno ha fatto niente di effettivo per cambiare le cose, salvo un piccolo spuntino.Nel caso della corruzione venuta alla luce in Spagna e l'inesistente reazione della popolazione, è un solo esempio tra i tanti nel mondo. Adesso riportiamo il caso dello sport di massa, sotto pressione per il sospetto di corruzione, di manipolazione di dopaggio e per la molto probabile adulterazione di tutte le competizioni sotto il controllo commerciale delle grandi marche...nonostante questo, continuano ad apparire in televisione con un seguito sempre più numeroso.
Tutto ciò si impoverisce davanti alla gravità delle rivelazioni di Edward Snowden  e confermate dai governi in causa che ci hanno detto in faccia alla luce di riflettori che tutte le nostre telefonate , le attività sui social networks, il nostro navigare in Internet è controllato e che ci stiamo dirigendo inesorabilmente verso l'incubo del Grande Fratello vaticinato da George Orwell nel "1984".E la cosa più allucinante è che "una volta filtrate" queste informazioni, nessuno si è preoccupato di ribatterle. Tutti i mezzi di comunicazione, i poteri politici e le grandi imprese di Internet implicate nello scandalo, hanno confermato pubblicamente come un qualcosa di reale e indiscutibile questo stato di sorveglianza. L'unica cosa che hanno promesso, in maniera poco convincente e a mezza bocca che non continueranno a farlo...e si sono permessi anche di darci alcuni dettagli tecnici!
E quale è stata la risposta della popolazione mondiale quando è stata rivelata questa verità? Quale è stata la reazione generale di fronte a queste rivelazioni?Nessuna.Tutti continuano ad essere assorbiti dal loro smartphone, continuano a rotolarsi nel dolce fango dei social network e continuano a navigare nelle acque infestate di Internet senza muovere nemmeno una falange di un dito... A cosa serve, allora, dire la verità?Nel caso ipotetico che Edward Snowden o Julian Assange siano personaggi reali e non creazioni mediatiche con una missione segreta, a cosa sarebbe servito il loro sacrificio?

  • Che utilità ha accedere all'informazione e rivelare la verità se non provoca nessun cambiamento, alterazione, trasformazione?
  • A che serve conoscere in forma esplicita e documentata il fatto chel'energia nucleare può solo portare disgrazie come dimostrato dai terribili incidenti di Chernobyl e Fukushima, se queste rivelazioni non provocano nessun effetto?
  • A cosa serve sapere che le banche sono enti criminali dediti al saccheggio di massa, se continuiamo a utilizzarle?
  • A cosa serve sapere che il mangiare è adulterato e contaminato da ogni tipo di prodotti tossici, cancerogeni o transgenici, se continuiamo a mangiarli?
  • A cosa serve sapere la verità su qualsiasi fatto importante se non reagiamo per quanto gravi siano le sue implicazioni. 

Non inganniamoci da soli per quanto sia duro accettare tutto questo. Affrontiamo la realtà così com'è... Nella società attuale, conoscere la verità non significa nulla
Informare sui fatti che veramente succedono, non ha nessuna reale utilità; anzi la maggior parte della popolazione è arrivata a un livello tale di degradazione psicologica che come dimostreremo, la rivelazione della verità e accedere all'informazione, rafforzano ancora di più la loro incapacità di risposta e l'inerzia mentale.
La grande domanda è: perchè? Che cosa ha portato tutti noi a quest'apatia generale?E la risposta, come succede sempre quando ci rivolgiamo domande di questo tipo, è tra le più inquietanti. Ed è in relazione con il condizionamento psicologico cui è sottoposto l'individuo della società attuale. I meccanismi che disattivano la nostra risposta quando accediamo alla verità per quanto scandalosa possa essere, sono semplici ed effettivi. E sono nella nostra vita quotidiana.
Tutto si basa su un eccesso d'informazione.

 

 

E' un bombardamento degli stimoli così esagerato che provoca una catena di avvenimenti logici che finiscono con lo sfociare in un'effettiva mancanza di risposta: in pura apatia.E per lottare contro questo fenomeno è bene conoscere come si sviluppa il processo...


COME SI SVILUPPA IL PROCESSO?

Per prima cosa dobbiamo capire che questo stimolo sensoriale che riceviamo è carico d'informazioni.
Il nostro corpo è predisposto alla percezione e alla lavorazione di stimoli sensoriali, ma la chiave del tema sta nella percezione di carattere linguistico dell'informazione, per linguistico sta a indicare ogni sistema organizzato con il fine di codificare e trasmettere informazione di ogni tipo.Per esempio, ascoltare una frase o leggerla comporta la sua entrata nel nostro cervello a livello linguistico. Ma lo stesso avviene quando guardiamo il logo di un'impresa, l'ascolto delle note musicali di una canzone, guardare un segnale del traffico o udire la sirena dell'ambulanza, tanto per darvi alcuni esempi...
Oggi, una persona è sottoposta a migliaia di stimoli linguistici di questo tipo solo durante un giorno; molti li percepiscono in forma cosciente, ma la grande maggioranza in forma non cosciente che deve essere elaborata dal nostro cervello.Potremmo dividere il processo di captare ed elaborare questa informazione in tre fasi:1.      percezione2.     valorizzazione3.     rispostaPercezione.Indubbiamente, in tutta la storia dell'umanità, apparteniamo alla generazione che ha la capacità più grande di elaborare informazioni a livello celebrale, con potere di differenziare soprattutto a livello visivo e auditivo.Man mano che nascono e crescono nuove generazioni acquisiscono una maggiore velocità di percezione dell'informazione. Una dimostrazione di quanto affermato la ritroviamo nel cinema.Guardate un vecchio film western di John Wayne, una scena qualsiasi di azione per esempio una sparatoria. E poi guardate una scena di sparatoria o di inseguimento di macchine di un film odierno. Una qualsiasi scena d'azione di un film attuale è piena di successioni rapidissime di primi piani di breve durata.
Solo in 3 o 4 secondi si vedranno diverse figure:il volto del protagonista che guida, quella del compagno che grida, la mano sul cambio della macchina, il piede che spinge il pedale, la macchina che schiva un pedone, l'inseguitore che slitta, il cattivo che afferra la pistola, che spara dal finestrino, ecc... e ogni primo piano sarà durato al massimo una decina di secondi.Le immagini si succedono a tutta velocità come gli spari di una mitragliatrice. Eppure siete in grado di vederle tutte e di elaborare il messaggio che contengono.
Adesso rivedete il film di John Wayne. Non troverete successioni di scene a ritmo di mitragliatrice, ma successioni di scene dalla durata più lunga e con un campo visivo più ampio. Probabilmente uno spettatore dell'epoca di John Wayne si sarebbe sentito male vedendo un film attuale poiché non era abituato a elaborare tanta informazione visiva a tale velocità.  Questo è un semplice esempio del bombardamento di informazioni cui è sottoposto il cervello di ognuno di noi oggi rispetto a quello di una persona di cinquant'anni fa. 
Aggiungeteci tutte le fonti di informazioni che ci circondano, come la televisione, la radio, la musica, l'onnipresente pubblicità, i segnali del traffico, i diversi tipi di abbigliamento che indossano le persone che incrociamo per la strada e che rappresentano ognuna di loro, un codice linguistico per il tuo cervello, l'informazione che vedete sul cellulare, sul tablet, in internet e inoltre i vostri impegni sociali, le fatture, le preoccupazioni e i desideri che hanno programmato tu avessi, ecc. ecc.  ...Si tratta di un'autentica inondazione di informazione che il vostro cervello deve elaborare continuamente. Tutto questo con un cervello della stessa misura e capacità di quello spettatore dei western di John Wayne di cinquant'anni fa.Per quanto ne sappiamo, sembra che il nostro cervello abbia la capacità sufficiente per percepire tali volumi di informazione e comprendere il messaggio associato a questi stimoli.Il problema quindi non sta lì. Infatti, sembra che il nostro cervello ne goda poiché ci siamo trasformati in tossicodipendenti degli stimoli.Il problema sembra risiedere nella fase che segue.
Valutazione.
Noi ci scontriamo con i nostri limiti quando dobbiamo valutare l'informazione ricevuta, cioè quando arriva l'ora di giudicare e analizzare le implicazioni che comporta.Questo succede perché non abbiamo il tempo materiale per fare una valutazione profonda di quell'informazione.
Prima che la nostra mente, da sola e con i criteri chele sono propri, possa giudicare in maniera più o meno profonda l'informazione che riceviamo, siamo bombardati da un'ondata di stimoli che ci distraggono e inondano la nostra mente.E per questa ragione che non arriviamo a valutare nella giusta misura l'informazione che riceviamo per quanto importanti siano le implicazioni che comporta.
Per capire meglio tutto questo, utilizzeremo un'analogia sotto forma di una piccola storia.Immaginiamo una persona molto introversa che passa la maggior parte del suo tempo rinchiusa in casa. Praticamente non ha amici e non intavola relazioni sociali di nessun tipo.Supponiamo adesso che questa persona vada al supermercato a comprare una bottiglia di latte e quando va a pagare gli cade per terra e la rompe causando grande scompiglio e macchiandosi i vestiti sotto gli occhi di tutti e della cassiera.Quando questa persona torna a casa, isolata com'è e senza uno stimolo sociale, darà probabilmente un gran valore a quanto avvenuto al supermercato.Si domanderà perché gli è caduto il latte e quale movimento falso abbia fatto perché questo avvenisse; si domanderà se la colpa fosse sua, o della bottiglia che era troppo spigolosa; nella sua testa analizzerà lo sguardo della cassiera e i gesti e i commenti di ogni cliente; osserverà anche le macchie sui vestiti e tenterà di indovinare ciò che hanno pensato gli altri di lui.Si sentirà ridicola e giudicherà quel fatto meramente aneddotico molto più importante di quanto lo sia stato in realtà. Solo perché quella situazione ridicola al supermercato sarà il grande avvenimento del giorno o della settimana. E forse non lo dimenticherà mai per tutta la vita.
Adesso sostituiamo la persona introversa e senza relazioni con un modello opposto.Una persona estroversa che passa tutto il giorno circondata da una gran quantità di persone e di fatti, interagendo freneticamente con clienti e compagni di lavoro, che parla al telefono, organizza incontri, compra, vende, fa riunioni, ride, si arrabbia e termina la giornata bevendo un bicchiere con gli amici.Supponiamo che questa persona va a comprare il latte e anche a lei cade la bottiglia causando un gran scompiglio e macchiandosi i vestiti.La sua valutazione dell'accaduto sarà solo aneddotica poiché rappresenta un evento in più tra tutti quelli a carattere sociale che sperimenta durante la giornata. E in poche ore se ne sarà dimenticata.Una persona della società attuale, assomiglia molto al secondo modello, sottoposta a una grande quantità di stimoli sensoriali, sociali e linguistici.
Per noi, ogni informazione ricevuta è rapidamente digerita e dimenticata, portata via dalla corrente incessante dell'informazione che entra nel nostro cervello come un torrente.Perché viviamo immersi nella cultura del "twit", un mondo dove ogni riflessione su un evento dura 140 caratteri. E questa è la profondità massima cui arriva la nostra capacità di analisi.E' per questa ragione, per la nostra impotenza di valutare e giudicare da soli il volume di informazione al quale siamo sottoposti, che l'informazione che ci è trasmessa, porta incorporata l'opinione che dobbiamo averne, cioè quello che dovremmo pensare dopo aver realizzato una valutazione approfondita dei fatti, cioè chi emette l'informazione risparmia al ricevente lo sforzo di dover pensare.
Questo è il procedimento che utilizzano i grandi mezzi di comunicazione e in un mondo di individui autenticamente pensanti sarebbe tacciato di manipolazione e lavaggio del cervello.La televisione è un esempio lampante. L'esempio degli onnipresenti incontri politicidove gli ospiti sono presentati come "opinionisti". La loro funzione è generare l'opinione che noi dovremmo costruire da soli.Così il bombardamento di informazione continuo e incessante nel nostro cervello ci impedisce di giudicare adeguatamente il valore dei fatti, con un criterio nostro. Ci toglie il tempo che dovremmo avere per soppesare le conseguenze di un avvenimento e lo frammenta in pezzettini da 140 caratteri e lo trasforma in un giudizio breve e superficiale.Risposta.
Una volta che la valorizzazione personale dei fatti è ridotta alla minima espressione, entriamo nella fase decisiva del processo, quella che è priva della nostra risposta.Qui entrano in gioco le emozioni e i sentimenti, il motore di ogni risposta e azione.Frammentando e riducendo il nostro tempo, riduciamo la carica emotiva che associamo all'informazione.Osserviamo le nostre reazioni: possiamo indignarci molto nel vedere una notizia in un notiziario, per esempio lo sgombero forzato di una famiglia senza mezzi, ma dopo pochi secondi siamo bombardati da un'informazione diversa che porta verso un'altra emozione superficiale e diversa che ci fa dimenticare la precedente.Per esprimere questo in forma grafica e chiara: la nostra capacità di giudizio e di analisi è pari a un "tweet", la nostra risposta emotiva è pari a un emoticon.E qui sta la chiave.Qui rimane disattivata la nostra possibile risposta. Per capire meglio, torniamo all'analogia della persona introversa ed estroversa che rompeva la bottiglia di latte al supermercato.La persona introversa chiuse nel suo mondo che ha dato un valore più profondo ai fatti avvenuti al supermercato continuerà a rimuginarci sopra più volte.        Non dimenticherà facilmente le emozioni legate al ridicolo che ha provato in quel momento e con molta probabilità esporre continuamente le proprie emozioni finirà con provare un certo imbarazzo solo a ripensarci.        E' possibile che non torni per un certo periodo a fare spesa in quel supermercato, anche se implica il fatto di dover andare più lontano a comprare il latte; arriverà anche a provare repulsione per il luogo e le persone che l'hanno reso ridicolo.        L'energia emotiva che ha messo su questo fatto concreto diventerà una reazione effettiva per il fatto. Invece, la persona estroversa tornerà al supermercato senza nessun problema poiché mentalmente quanto accaduto, non ha rilevanza emotiva; tuttalpiù arrossirà al vedere la cassiera o qualche cliente. La persona estroversa non intraprenderà azioni effettive e tangibili che derivano dal fatto della bottiglia di latte.Oltre le valutazioni fatte su questi personaggi inventati, questi esempi ci servono per dimostrare che il bombardamento incessante dell'informazione cui siamo sottoposti finisce con lo sfociare in una frammentazione della nostra energia emotiva e perciò finiamo col dare una risposta superficiale o nulla.E' una risposta che per il momento in cui viviamo intuiamo che dovrebbe essere molto più contundente eppure non arriviamo a darla perché ci manca l'energia sufficiente per farlo. E tutti guardiamo disperati gli altri e ci domandiamo:  "Perché non reagiscono? Perché non reagisco?"E questa impotenza alla fine diventa una sensazione di frustrazione e di apatia generale. Questa sembra essere la ragione per cui non avviene una Rivoluzione quando per la logica dei fatti dovrebbe essere già scoppiata. Si tratta quindi di un fenomeno psicologico. Questo è il meccanismo di base che interrompe ogni risposta della popolazione davanti ai continui abusi che riceve.E' la base sulla quale si poggiano tutte le manipolazioni mentali cui ci sottopongono oggi E' il meccanismo psicologico che rende la popolazione docile e sottomessa.Potremo riassumere il tutto così:L'eccessivo bombardamento di informazioni ci impedisce di avere il tempo necessario per dare il giusto valore a ogni informazione ricevuta e, di conseguenza, associarla a una carica emotiva sufficiente per generare una reazione effettiva e reale.


COSPIRAZIONE O FENOMENO SOCIALE?

Non ha importanza se tutto questo fa parte di una grande cospirazione atta a controllarci o se siamo arrivati a questo punto per via dell'evoluzione della società, perché le conseguenze sono esattamente le stesse:i più potenti faranno il possibile per mantenere attivi questi meccanismi e fomenteranno anche il suo sviluppo secondo le loro potenzialità solo perché ne ricevono benefici.Rivelare la verità, in effetti, favorisce questi meccanismi.Ai più potenti non importa mostrarsi come sono o svelare i propri segreti per quanto sporchi e oscuri siano. Rivelare queste verità occulte contribuisce in gran parte all'aumento del volume di informazione con il quale siamo bombardati.
Ogni segreto portato alla luce produce nuove ondate di informazioni che possono essere manipolate e rese tossiche con l'aggiunta di dati falsi, contribuendo così alla confusione e al caos dell'informazione e da qui arrivano nuove ondate secondarie di informazioni che ci stordiscono ancora di più e ci fanno sprofondare di più nell'apatia.
Se combattiamo quest'apatia, frutto della poca energia emotiva con cui cerchiamo di rispondere, con le tremende difficoltà che il sistema ci mette davanti quando è il momento di punire i responsabili, si generano nuove ondate di frustrazione sempre più forti che ci portano passo dopo passo alla resa definitiva e alla totale sottomissione.
Non ponetevi nessun dubbio: alle persone che ostentano il potere interessa bombardarvi con enormi volumi di informazioni il più superficiali possibili; perché una volta instaurata questa forma di interagire con l'informazione ricevuta, tutti noi ci trasformeremo in persone dipendenti da questo incessante scambio di dati.
l bombardamento di stimoli è una droga per il nostro cervello che ha bisogno di sempre più velocità per lo scambio di informazioni ed esige meno tempo per poterle vagliare.
Succede a tutti noi: ci costa sempre più fatica leggere un lungo articolo pieno di informazioni strutturate e ragionate. Abbiamo l'esigenza che sia stringato, più veloce, che si legga in una sola riga e che si possa ingerire come una pasticca e non come un lauto pranzo.
Il nostro cervello si è trasformato in un tossicodipendente da informazione rapida, in un drogato avido di continui dati da ingerire pensati e analizzati da un altro cervello in modo che noi non dobbiamo fare lo sforzo di fabbricare una nostra opinione complessa e contraddittoria.Il fatto è che noi odiamo il dubbio perché ci obbliga a pensare. Non vogliamo farci domande. Vogliamo solo risposte rapide e facili. Siamo e vogliamo essere antenne riceventi e replicanti di informazioni come meri specchi che riflettono immagini esterne. Gli specchi però sono piani e non hanno vita propria, tutto quello che riflettono viene da fuori.L'essere umano a gran velocità si sta dirigendo verso quello stato di fatto. Lo permetteremo?
CONCLUSIONETutto quanto è stato scritto, forse non lo avreste voluto ascoltare. E' poco stimolante ed è qualcosa di complicato e farraginoso, ma le complesse realtà non possono essere ridotte in un titolo ingegnoso di tweet.Per intraprendere una profonda trasformazione del mondo, per iniziare un'autentica Rivoluzione che cambi tutto e ci porti verso una migliore realtà, dovremmo discendere nelle profondità della nostra psiche, fino alla sala macchine, dove si muovono tutti i meccanismi che determinano le nostre azioni e i nostri movimenti.E' lì che si risolve l'autentica guerra per il futuro dell'umanità.
Nessuno ci salverà facendo da un pulpito dei proclami brillanti e delle promesse per una società più giusta ed equa. Nessuno ci salverà raccontandoci una verità presunta o rivelandoci i segreti più oscuri dei poteri occulti.Come abbiamo visto, l'informazione e la verità non sono importanti perché i nostri meccanismi di risposta sono invariati. Dobbiamo scendere fino a loro e ripararli; e per fare ciò dobbiamo sapere come funzionano. E non sarà necessario fare un complesso corso di psicologia: osserviamo con attenzione e ragioniamo da soli e potremo raggiungere il risultato.
Non si tratta di qualcosa di esoterico o basato su strane credenze dal carattere Mistico, Religioso o New Age. E' pura logica: non c'è rivoluzione possibile senza una profonda trasformazione della nostra psiche a livello individuale perché la nostra Mente è programmata dal Sistema. Per cambiare quindi il Sistema che ci imprigiona, prima lo dobbiamo disinstallare dalla nostra mente.Lo faremo?

 http://voxinsana.blogspot.it/2014/06/perche-non-siamo-capaci-di-ribellarci.html
Link 

 

 

 
 
 

Troika, come funziona il commissariamento e cosa rischia l'Italia

Post n°2537 pubblicato il 17 Dicembre 2014 da stella112
 

 

Lidia Udiemi - Il ricatto dei mercati sta nuovamente scatenando tutta la sua furia contro la povera Grecia, e non illudiamoci che ciò non possa accadere anche all'Italia, considerati anche gli altri precedenti (Spagna, Irlanda, Portogallo e Cipro).

Il pretesto, questa volta, è l'anticipo dell'elezione del presidente della Repubblica, l'attuale governo di Samaras potrebbe non reggere l'impatto e in base agli ultimi sondaggi il partito di sinistra Syriza riuscirebbe a vincere anche se non sarebbe in grado di governare da solo. Per capire qual è la posta in gioco, occorre anzitutto spiegare come avviene e in cosa consiste ilcommissariamento da parte della Troika dello Stato minacciato dai mercati, in tal caso la Grecia.
Come spiego e documento in modo dettagliato nel mio libro "Il ricatto dei mercati", il commissariamento parte dalla richiesta di aiuto proveniente da un paese che trova grosse difficoltà a finanziarsi sui mercati, lo spread sale e la crisi finanziaria si traduce in una destabilizzazione politica. Entra così in scena la Troika - BCE, Commissione UE e FMI - che si dichiara disponibile a sostenere il governo con un meccanismo di assistenza finanziaria, ma a condizione che, attenzione, questo si impegni a portare avanti la sua agenda politica, cioè le famose "riforme".
La prima richiesta di prestiti inoltrata dalla Repubblica Ellenica alla Troika risale al 23 aprile 2010, l'accordo raggiunto prevedeva un piano di finanziamento complessivo di 110 miliardi di euro, poi sottoposto ad una serie di variazioni in base alle esigenze che si andavano via via manifestando (proroga dei prestiti già erogati, riduzione del tasso applicato, ecc.). Le condizioni del prestito sono progettate di modo tale che venga concretamente erogato man mano che la politica interna realizza le "riforme". I rappresentanti della Troika, infatti, si recano periodicamente in Grecia per verificare quanto pattuito, e soltanto dopo averne accertato l'effettiva attuazione procede al rilascio delle successive tranche di aiuti. Si dice, a tal proposito, che lo scorso anno il trio abbia rimandato la sua visita perché la Grecia avrebbe dovuto rispettare 135 condizioni entro l'autunno e invece era riuscita ad attuarne soltanto 60. Insomma, o si riesce a trovare la maggioranza per eseguire le direttive della Troika oppure si rischia un altro "ricatto" dei mercati.
Ma in cosa consistono le riforme? Drastica riduzione della spesa pubblica in settori come la sanità, la scuola e la ricerca, tagli ai salari e alle pensioni ed altre misure di austerità contro il popolo.
Ecco, è questa la sintesi politica delle modalità di gestione dell'attuale crisi dell'eurozona: i mercati generano le destabilizzazioni, poi interviene la Troika che con il pretesto del sostegno finanziario riesce di fatto a sostituirsi ai partiti e ai loro programmi politici, senza quindi nemmeno disturbarsi di ottenere alcuna forma di consenso popolare. E, tirando le somme, sono i cittadini a pagare il prezzo delle crisi mentre le banche ottengono ingenti salvataggi pubblici.
Ecco, commissariare l'Italia significa sottoporre i suoi abitanti ad un simile attacco, tenendo conto che siamo dentro questo percorso dal 2011 con la delegittimazione del governo Berlusconi in favore di quello "tecnico" di Monti.
Avremo modo di affrontare altre importanti questioni sul destino degli Stati europei (come e perché i mercati riescono a ricattare gli stati, chi sceglie le riforme, cosa legittima la Troika, ecc.) al fine di potere realizzare una controffensiva politica, perché è sul piano politico che si gioca la partita, altro che libero mercato.


Fonte: www.ilfattoquotidiano.it

 

 

 
 
 

Tamburi di guerra in Ucraina,gli Usa vogliono lo scontro con la Russia

Post n°2536 pubblicato il 17 Dicembre 2014 da stella112
 

 

DI: Eric Zuesse
Lo scorso sabato, 13 Dicembre, i media russi hanno informato che il presidente statunitense Barack Obama, evidentemente non può aspettare oltre per firmare l'autorizzazione del Congresso per "iniziare la guerra contro la Russia" (che già è stata approvata in forma di progetto da un 98% dei componenti della Camera e dal 100% dei membri del Senato degli Stati Uniti, sotto forma di "presunti aiuti" all'Ucraina), oltre al fatto che che già si stanno fornendo equipaggiamenti militari all'Ucraina per il loro utilizzo contro i separatisti russi dell'Est Ucraina che il governo di Kiev cerca di eliminare.


Mikhail Emelyanov, un parlamentare russo (nella foto sotto),  era stato citato il Sabato mentre dichiarava che "non possiamo noi rimanercene tranquillamente a guardare mentre gli USA forniscono le armi letali più moderne all'Ucraina. In questo senso, non dobbiamo sembrare deboli. La situazione è molto allarmante. A giudicare dalle intenzioni degli Stati Uniti, sembra che vogliano trasformare l'Ucraina in una piattaforma di guerra contro la Russia".
Il popolare sito web russo "Coronel Cassad", ha informato che gli aereoporti ucraini di Zaporozyhe, Kharkov e Dbepropetrovsk sono stati misteriosamente chiusi per il resto del traffico lo scorso sabato 13 e il motivo era che si stava procedendo allo scarico degli armamenti inviati dagli USA.
In concreto, questo sito web informa che, a Zaporozyhem, "uno dei lavoratori dell'aeroporto ha riferito che l'aeroporto doveva essere preparato per ricevere aerei militari con equipaggiamento, nello stesso modo anche gli aeroporti di Kharkov e di Dnepropetrovsk saranno utilizzati. Naturalmente tutti gli equipaggiamenti e le armi provengono dagli USA.
Nei prossimi giorni si prevede che il traffico civile nei tre aereoporti si vedrà ridotto con il fine di scaricare i materiali di provenienza dagli USA.Nello scorso Sabato anche il blog fortruss.blogspot ha informato che, "In questo momento, nell'aeroporto di Zaporozhye si stanno scaricando numerose casse da due aerei da trasporto degli USA. In accordo con altre informazioni aggiuntive, si aspetta l'arrivo ancora di altri due aerei da trasporto".

 


Chi pagherà la fattura?
Il governo USA cercherà di giustificare queste spedizioni chiamandoli "aiuti al popolo dell'Ucraina".Tuttavia la triste realtà è che l'Ucraina non potrà mai restituire gli aiuti ed i prestiti che riceve.Come sostiene Forbes, "Il Hryvnia, la valuta dell'Ucraina, è stata la peggiore valuta del mondo nel 2014, dato che ha perso il 91,5% del suo valore nel corso dell'anno. L'unica ragione per cui il paese non è imploso totalmente è per aver ricevuto il pacchetto di 18 mila milioni di dollari dell'aiuto del FMI e i 9 mila milioni di dollari di aiuto agiuntivo promesso dagli USA e dalla UE.
L'11 di Dicembre, il nuovo Ministro dello Sviluppo Economico dell'Ucriana ha ammesso: " in generale lo Stato si trova in bancarotta". Pertanto gli USA ed i contribuenti europei stanno finanziando tutti questi "prestiti" all'Ucraina che mai saranno restituiti.In realtà si tratta di donazioni invece che prestiti  perchè  l'Ucraina già si trovava indebitata per migliaia di milioni di dollari, incluso già prima dell'intervento occidentale e nessuno di questi debiti aggiuntivi potrà mai essere restituito.
L'investimento degli USA in Ucraina, quindi è un "investimento in cadaveri".
L'autentica verità è che Washington non vuole aiutare il popolo dell'Ucraina; si sta soltanto utilizzando l'Ucraina come piattaforma di lancio per la Terza Guerra Mondiale contro la Russia.

Fonte: Washingtonsblog.comTraduzione: Luciano Lago - controinformazione.info
Link

 

 

 
 
 

'Un'altra guerra in Europa? Non in nostro nome!'

Post n°2535 pubblicato il 17 Dicembre 2014 da stella112
 

In Germania ex presidenti, politici, artisti, industriali lanciano un potente appello per la distensione in Europa. I loro colleghi italiani tacciono [Pino Cabras]


Redazionelunedì 8 dicembre 2014 


 

 


di Pino Cabras.
In Germania decine di grandi intellettuali, politici di tante tendenze, ex presidenti della Repubblica, giornalisti, esponenti religiosi con ruoli mondiali, ecc., hanno lanciato un appello drammatico in favore della distensione e per non demonizzare la Russia. L'appello s'intitola "Un'altra guerra in Europa? Non in nostro nome!".Ormai interi settori delle classi dirigenti tedesche vedono profilarsi il rischio sempre più concreto di una guerra mondiale.Assistono sgomenti alle campagne di isteria anti-russa sui media e notano la subalternità dei governanti tedeschi ed europei che, come un gregge suicida, obbediscono ai cattivi pastori egemonizzati dai neocon di Washington. Le menti più aperte della Germania indicano le gravi responsabilità dei media, infestati da editorialisti e commentatori che«demonizzano intere nazioni, senza dare sufficiente credito alle loro storie». Ricordano le lezioni micidiali della storia, che vedono nella Russia una potenza con una funzione dirigente inaggirabile per la vita politica europea. E sebbene le eminenti personalità tedesche richiamino anche le classi dirigenti russe alla legalità internazionale, il loro dito è puntato contro un tentativo folle e fallimentare, il terzo dopo Napoleone e Hitler, volto a sloggiare la Russia dall'Europa. Lo dicono personalità che si sono sempre espresse con toni molto moderati.Pochi mesi fa avevamo tradotto un bellissimo saggio di Gabor Steingart, il direttore editoriale del più importante quotidiano economico tedesco,HandelsblattL'Occidente sulla strada sbagliata. Avevamo colto nel segno, al momento di diffonderlo, nel pensare che riflettesse un'inquietudine molto più estesa presso le classi dirigenti tedesche. L'appello che pubblichiamo ora conferma in pieno quanto questo sentimento sia esteso, dagli artisti ai capitani d'industria. Naturalmente i grandi organi di informazione italiani nascondono vergognosamente tutto questo.Per capire infatti quanto sia messa male la Repubblica Italiana non basta indignarsi per l'ultimo scandalo di mafia e appalti a Roma (una storia infinita e sempre uguale). Occorre constatare invece quanto le (presunte) classi dirigenti italiote ignorino la portata e le implicazioni della crisi europea in atto. Mentre il fior fiore degli artisti, degli scienziati, dei politici germanici ha voluto conoscere tutto quel che conta della nuova Guerra Fredda, e dopo averlo capito ed essere inorriditi hanno lanciato un allarme fortissimo e clamoroso, da noi - presso intellettuali e politici più eminenti - non si profila ancora nulla di simile. Abbiamo ormai un ceto intellettuale narcotizzato; artisti, registi, intellettuali con l'elettroencefalogramma piatto, specie a sinistra; e abbiamo politici vicini all'analfabetismo in materia di politica internazionale. Leggono pessimi giornali, li scrivono, li credono e perciò non capiscono più niente. Pertanto qui ripetono come pappagalli le veline di John McCain e parlano di un inesistente Adolf Putin. I loro colleghi tedeschi dicono l'esatto contrario: è questo Occidente ad agire come Hitler. Infatti Kiev dà carta bianca alla manovalanza con le svastiche, possiamo aggiungere.Non solo raccomandiamo ai nostri lettori di leggere l'appello, ma li invitiamo a darne la massima diffusione attraverso tutti i canali di cui dispongono. Venerdì 12 dicembre, nel simposio internazionale Global WARning, in una sala della Camera die Deputati, intendiamo dare il massimo risalto a queste riflessioni.Di seguito, la traduzione del testo pubblicato sul quotidiano tedesco Zeit Online. Buona lettura!
____________________
Roman Herzog, Antje Vollmer, Wim Wenders, Gerhard Schröder e molti altri chiedono il dialogo con la Russia. ZEIT ONLINE documenta questo appello.
Più di 60 personalità provenienti dalle fila della politica, dell'economia, della cultura e dei media ci mettono in guardia verso un'imminente guerra con la Russia e si appellano a una politica di distensione per tutta l'Europa. Il loro appello si rivolge al governo federale, ai membri del parlamento e ai media.In origine, l'appello è partito dall'ex segretario di cancelleria Horst Teltschik (CDU), dall'ex segretario di stato alla difesa Walter Stützle (SPD), cosi' come dall'ex vicepresidente del Bundestag Antje Vollmer (Verdi).Spiegando le motivazioni che hanno spinto all'appello, Teltschik dichiara:«a noi preme dare un segnale politico, di modo che la legittima critica alla politica russa nei confronti dell'Ucraina non porti a vanificare i progressi raggiunti in 25 anni di relazioni con la Russia».Hanno firmato il testo, tra gli altri, gli ex capi dei governi regionali di Amburgo, Berlino e Brandeburgo, Klaus von Dohnanyi, Eberhard Diepgen e Manfred Stolpe, l'ex presidente dell'SPD Hans-Jochen Vogel, l'ex cancelliere federale Gerhard Schröder, l'ex Presidente della Repubblica Roman Herzog e l'attore Mario Adorf.


Il testo dell'appello:«Un'altra guerra in Europa? Non in nostro nome!»Nessuno vuole la guerra. Ma il Nord America, l'Unione europea e la Russia vi si stanno dirigendo senza scampo se non si adopereranno per porre fine alla deleteria spirale di minacce e controminacce.Tutti gli europei, inclusa la Russia, condividono la responsabilità per la pace e la sicurezza. Solo chi non perde di vista questo obiettivo può evitare di imboccare la strada sbagliata.Il conflitto in Ucraina dimostra che la sete di potere e di dominio non sono problemi superati. Nel 1990, alla fine della Guerra Fredda, ci avevamo tutti sperato. Ma il successo della politica di distensione e delle rivoluzioni pacifiche ci hanno reso incauti e sonnolenti. A Est come a Ovest.Sia fra gli americani, che fra gli europei e i russi, si è perso il principio guida di bandire definitivamente la guerra dai loro rapporti.Non si spiega altrimenti l'allargamento occidentale verso Est, minaccioso per la Russia in assenza di un contestuale approfondimento dei rapporti di collaborazione con Mosca, così come l'annessione della Crimea da parte di Putin, contraria al diritto internazionale.In un momento di grande pericolo per il continente come quello che stiamo vivendo adesso, la Germania ha responsabilità particolari per il mantenimento della pace.Senza la volontà di riconciliazione del popolo della Russia, senza la lungimiranza di Mikhail Gorbaciov, senza il sostegno dei nostri alleati occidentali e senza l'azione prudente da parte del governo federale di allora, non si sarebbe mai superata la frattura dell'Europa. Rendere possibile la riunificazione pacifica della Germania è stato un grande e ragionevole gesto delle potenze vincitrici. Una decisione di dimensioni storiche. Dal superamento di questa separazione doveva nascere un duraturo ordine europeo di pace e di sicurezza, esteso da Vancouver a Vladivostok, come stabilito nel novembre 1990 da tutti i capi di Stato e di governo dei 35 stati membri dell'OSCE nella "Carta di Parigi per una nuova Europa".Sulla base di principi concordati e delle prime concrete misure attuative bisognava costruire una "casa comune europea", in cui ciascuno Stato membro avrebbe potuto godere dello stesso livello di sicurezza. Questo fondamentale obiettivo della politica del dopoguerra fino ad oggi non è stato raggiunto. Gli europei hanno ancora da temere.


Noi, i firmatari, ci appelliamo al governo federale, affinché tenga fede alle sue responsabilità per la pace in Europa. Abbiamo bisogno di una nuova politica di distensione per l'Europa. Questa ci può essere solo sulla base di un'eguale sicurezza per tutti e fra partner con eguali diritti e rispetto reciproco. Il governo tedesco non fa nulla di strano, se in questa situazione di stallo lancia appelli alla calma e al dialogo con la Russia. Il bisogno di sicurezza dei russi è legittimo e ampio quanto quello dei tedeschi, dei polacchi, dei baltici e degli ucraini.Non possiamo scacciare via la Russia dall'Europa. Sarebbe antistorico, irrazionale e pericoloso per la pace. Fin dal Congresso di Vienna già nel 1814, la Russia è riconosciuta come una delle potenze dirigentidell'azione politica in Europa. Tutti quelli che hanno cercato di cambiare questo stato delle cose con la violenza, si sono scontrati con un sanguinoso fallimento, come da ultimo il tentativo omicida e megalomane della Germania di Hitler che si spinse oltre i propri confini per soggiogare anche la Russia al proprio regime.Ci appelliamo ai deputati del Bundestag tedesco, in quanto delegati del popolo, affinché si facciano degni della gravità della situazione, e si facciano anche guardia degli l'obblighi di pace del governo federale. Chi costruisce solo immagini del nemico e manipola i fatti con attribuzioni di colpa unilaterali, esacerba le tensioni in un momento in cui devono invece prevalere i segnali della distensione. Incorporare (legare a sé, legare a noi), non escludere, deve essere il leitmotiv dei politici tedeschi.


Facciamo appello ai media, affinché assolvano in modo più convincente al loro obbligo di riportare i fatti senza pregiudizi. Editorialisti e commentatori demonizzano intere nazioni, senza dare sufficiente credito alle loro storie. Qualsiasi giornalista esperto di politica estera comprenderà i timori dei russi, da quando fin dal 2008 i membri della NATO invitano Georgia e Ucraina ad associarsi all'alleanza. Non si tratta di Putin. I Capi di Stato vanno e vengono. Si tratta dell'Europa. Si tratta di togliere di nuovo alla gente la paura della guerra. A questo scopo, un cronaca dei fatti responsabile, basata su solide ricerche, può aiutare molto.Il 3 ottobre 1990, il Giorno dell'Unità tedesca, il presidente tedesco Richard von Weizsäcker ha detto: «La guerra fredda è superata, Libertà e democrazia sono state rapidamente applicate in tutti gli Stati ... Ora essi possono tanto intensificare i loro rapporti e cementarli istituzionalmente, che da essi per la prima volta potrà formarsi un comune ordine di vita e di pace..Per i popoli europei inizia così un nuovo capitolo nella loro storia. Il suo obiettivo è un'unione pan-europea. Si tratta di un traguardo formidabile. Possiamo raggiungerlo, ma possiamo anche mancarlo. Siamo di fronte alla chiara alternativa, unire l'Europa oppure ricadere in conflitti nazionalistici sull'onda di dolorosi esempi storici».Fino al conflitto ucraino in Europa abbiamo pensato di essere sulla strada giusta. Il promemoria di Richard von Weizsäcker è oggi, un quarto di secolo dopo, più attuale che mai.

I sottoscrittori Mario Adorf, attoreRobert Antretter (ex parlamentare del Bundestag)Prof. Dr. Wilfried Bergmann (Vice - Presidente della Alma Mater Europaea)Luitpold Prinz von Bayern (Königliche Holding und Lizenz KG, manifatture della porcellana di Nymphenburg)Achim von Borries (regista e sceneggiatore)Klaus Maria Brandauer (attore, regista)Dr. Eckhard Cordes (presidente della commissione per le relazioni economiche con l'Europa orientale)Prof. Dr. Herta Däubler-Gmelin (ex Ministra della Giustizia)Eberhard Diepgen (ex sindaco di Berlino)Dr. Klaus von Dohnanyi (sindaco della Città Libera e Anseatica di Amburgo)Alexander van Dülmen (Consigliere di amministrazione della A-Company Filmed Entertainment AG)Stefan Dürr (Managing Partner e Amministratore delegato della Ekosem-Agrar GmbH)Dr. Erhard Eppler (ex ministro federale per lo sviluppo e la cooperazione)Prof. Dr. Heino Falcke (Rettore)Prof. Hans-Joachim Frey (Presidente del CdA della Semper Opernball di Dresda)Padre Anselm Grün (frate)Sibylle Havemann (Berlino)Dr. Roman Herzog (ex presidente federale)Christoph Hein (sceneggiatore)Dr. Dr. H. C. Burkhard Hirsch (ex Vice Presidente del Bundestag)Volker Hörner (Rettore)Josef Jacobi (agricoltore biologico)Dr. Sigmund Jähn (ex astronauta)Uli Jörges (giornalista)Prof. Dr. H. C. Dr. Margot Käßmann (ex presidente del Consiglio Protestante tedesco e vescova)Dr. Andrea von Knoop (Mosca)Prof. Dr. Gabriele Krone-Schmalz (ex corrispondente del canale tv ARD da Mosca)Friedrich Küppersbusch (giornalista)Vera von Lehndorff Gräfin (artista)Irina Liebmann (sceneggiatrice)Dr. H. C. Lothar de Maizière (ex primo ministro della RDT, ex ministro della RFT)Stephan Märki (direttore del Teatro di Berna)Prof. Dr. Klaus Mangold (presidente Mangold Consulting GmbH)Reinhard e Hella Mey (cantautori)Ruth Misselwitz (pastore protestante di Pankow)Klaus Prömpers (giornalista)Prof. Dr. Konrad Raiser (ex Segretario Generale del Consiglio ecumenico mondiale delle Chiese)Jim Rakete (fotografo)Gerhard Rein (giornalista)Michael Röskau (ex dirigente ministeriale)Eugen Ruge (sceneggiatore)Dr. H. C. Otto Schily (ex ministro federale degli Interni)Dr. H. C. Friedrich Schorlemmer (teologo, attivista per i diritti civili)Georg Schramm (comico)Gerhard Schröder (ex Cancelliere federale)Philipp von Schulthess (attore)Ingo Schulze (sceneggiatore)Hanna Schygulla (attrice, cantante)Dr. Dieter Spöri (ex ministro degli Affari economici)Prof. Dr. Fulbert Steffensky (teologo cattolico)Dr. Wolf-D. Stelzner (Managing Partner: WDS-Institut für Analysen in Kulturen mbH)Dr. Manfred Stolpe (ex ministro federale, ex governatore del Brandeburgo)Dr. Ernst-Jörg von Studnitz (ex ambasciatore)Prof. Dr. Walther Stützle (ex segretario di Stato della Difesa)Prof. Dr. Christian R. Supthut (ex Consigliere Direttivo)Prof. Dr. H. C. Horst Teltschik (ex consigliere presso l'Ufficio federale per la sicurezza e la politica estera)Andres Veiel (regista)Dr. Hans-Jochen Vogel (ex ministro federale della Giustizia)Dr. Antje Vollmer (ex Vice-Presidente del Bundestag)Bärbel Wartenberg-Potter (vescova emerita di Lubecca)Dr. Ernst Ulrich von Weizsäcker (scienziato)Wim Wenders (regista)Hans-Eckardt Wenzel (cantautore)Gerhard Wolf (scrittore, editore)


Fonte: http://www.zeit.de/politik/2014-12/aufruf-russland-dialogTraduzione a cura di Roberto Quaglia e Alessandra Secci, con revisione di Pino Cabras.

 

 
 
 

Il potere degli 8Hz - Sviluppo facoltà e percezioni eccezionali

Post n°2534 pubblicato il 17 Dicembre 2014 da stella112
 

 

Andrija Puharich, morto nel 1995, era un medico pioniere in ricerche sull'elettrobiologia e sulle capacità extrasensoriali del cervello. Durante la sua brillante carriera scientifica il Dott. Puharich detenne cinquantasei brevetti americani e stranieri per le sue invenzioni nel campo della medicina elettronica, neurofisiologia e biocibernetica. Fu autore di oltre cinquanta pubblicazioni scientifiche e di diversi libri divulgativi.
Durante la sua vita fu membro dell'Accademia delle Scienze di New York, dell'Associazione americana per l'Avanzamento della Scienza, dell'Associazione della Medicina Aerospaziale e l'Associazione americana per la Psicologia Umanistica. La sua mente vivace e anticonformista lo portò a riprendere alcune ricerche di Tesla con le onde non hertizane ELF (frequenze estremamente basse usate da HAARP, MUOS e sistemi simili) rilevandone il potenziale nocivo per l'uomo e l'ambiente. Un suo pionieristico lavoro fu il creare una tecnologia, tutt'ora usata, nel far sentire i non udenti attraverso l'elettrostimolazione cranica con segnali elettronici che vanno direttamente al cervello. Tra le molte invenzioni va segnalato il suo brevetto US Patent 4394230, dove descriveva un metodo ed una strumentazione per il frazionamento delle molecole d'acqua. Questo brevetto spiega l'impiego delle frequenze per far risuonare le molecole d'acqua e così liberare i legami tra l'idrogeno e l'ossigeno, creando un ecologico combustibile ad acqua. Oltre che prototipo dello scienziato che si interessa alla free energy, Puharich mostrò una curiosità scomoda ed un'integrità scientifica disposta a giocarsi la carriera piuttosto che genuflettersi alla cieca politica accademica.
Già negli anni '60 il dott. Puharich e il dott. John Taylor scoprirono che gli otto cicli per secondo erano anche la banda di frequenza con cui il cervello attivava capacità extrasensoriali quali visione a distanza, telepatia, telecinesi, ecc., capacità latenti presenti in ognuno di noi. Inizialmente lo scienziato americano effettuò numerosi esperimenti con i funghi Amanita Muscaria raccolti nel giardino del suo laboratorio di Glen Cove nel Maine, scoprendo che l'Amanita Muscaria, il fungo usato in diversi riti pagani e dai cristiani delle origini, aumenta le facoltà percettive solo nei soggetti già psichicamente sensitivi, ma era in grado di far risolvere brillantemente dei test anche a persone di intelligenza media dove le possibilità di soluzione casuale, secondo Puharich, erano praticamente inesistenti.
Questi funghi considerati sacri hanno anche la peculiarità di far aumentare considerevolmente i limiti delle capacità fisiche di chi gli ingerisce. In quel periodo certamente non fu l'unico ricercatore a scoprire l'enorme potenzialità di questi ed altri funghi ancor più potenti, e certamente non pericolosi come l'Amanita Muscaria, per procurarsi stati mentali di ordine superiore. Il ricercatore, grazie al suo background scientifico, riuscì a notare che determinate frequenze avevano effetti ben precisi sulla mente umana. Già nel 1956 potette studiare un mistico indiano ed osservare come riusciva a cambiare a piacimento la frequenza delle proprie onde cerebrali passando da uno stato di coscienza ad un altro. Studiò anche un guaritore che riusciva a settare il proprio cervello ad 8 Hz ed indurre la stessa frequenza nella persona che curava. Gli otto cicli per secondo sono in grado di aumentare la predisposizione ad imparare, inducendoci al theta mode (stato cerebrale che ci porta ad essere creativi e ad avere profonde intuizioni di natura scientifica, mistica o comportamentale).
Una delle peculiarità del nostro cervello è che è molto sensibile a qualsiasi strumento che emette onde di frequenza, tra cui le ELF, poiché tende a sintonizzarsi naturalmente con il segnale esterno. Nel prosieguo delle sue ricerche il ricercatore americano scoprì che se un soggetto veniva esposto a 7.83 hertz, la frequenza Schumann a cui vibra la Terra, si sarebbe ottenuta un'alterazione nella percezione facendolo sentire bene. Ad una frequenza di 10.80 hertz invece avrebbe suscitato un comportamento violento mentre 6.60 Hz avrebbe causato invariabilmente la depressione del soggetto. In ulteriori ricerche si trovò che la frequenza di 3.5 hertz provoca formazioni cancerogene, i 6-7 Hz risuonano nelle orecchie, danno la sensazione di restringimento del petto, incrementano la pulsazione sanguigna e la stanchezza, mentre tra i 8.60-9.80 hertz provocano sensazioni di formicolio ed induzione del sonno. Invece frequenze mixate tra i 17 Hz e 70 Hz provocano effetti biologici dannosi. Puharich in un suo testo definì gli 8 hertz come "la differenza della velocità di fase tra la velocità delle orbite del protone contro quelle dell'elettrone",sta di fatto che gli 8 Hz possiedono la "stranezza" di poter oltrepassare sia un blocco elettromagnetico di vuoto (gabbia di Faraday) sia un'impenetrabile campo Meisner di un superconduttore. In parole povere, durante una moltitudine di esperimenti, si è scoperto che gli 8 hertz sono in grado di penetrare qualsiasi barriera fisica o energetica, svelando una loro natura di "vettore multidimensionale" non soggetta alla materia del nostro spazio-tempo.
Gli 8 hertz hanno una simmetria d'onda di natura frattale che stimola la ghiandola pineale al rilascio degli ormoni che permettono non solo capacità che vanno oltre la percezione di un continuum a 3D ma sono inoltre in grado di rilasciare l'ormone della vita, la somatropina, che istiga il colesterolo a convertirsi a pregnenolone e quest'ultimo a DHEA (deidroepiandrosterone), tutti considerati elisir di lunga vita. L'epifisi, o ghiandola pineale, controlla la sincronizzazione circadiana del nostro sistema neuroormonale nei confronti di luce e temperatura. In studi di laboratorio si è scoperto come il trapianto della ghiandola pineale di un soggetto vecchio in un soggetto giovane ne accelera l'invecchiamento. Qualsiasi malattia della vecchiaia è causata da una perdita della sincronia del sistema ormonale.
Uno tra i più potenti sincronizzatori ormonali antagonisti all'invecchiamento è l'N-acetil-5-metossitriptamina, conosciuto anche con il nome di melatonina, ed alcune carboline presenti nelle sostanze psicotrope usate durante le pratiche sciamaniche. In sperimentazioni su topi, la presenza di melatonina ha dimostrato di proteggere il tessuto cerebrale dalla perossidasi lipidica inoltre possiede un effetto di induzione del sonno, incrementando la fase REM (profonda) riducendo gli effetti collaterali di farmaci serotonino-simili. La melatonina riduce il danno cerebrale, dovuto ai radicali liberi, su malattie degenerative quali il morbo di Parkinson e la demenza di Alzheimer. La ghiandola pineale è attivata direttamente mediante l'emissione di un segnale ad otto cicli per secondo, mentre la melatonina, uno degli ormoni prodotti dall'epifisi, induce, con un identico segnale, la replicazione mitosica del DNA, rafforzando la riparazione del danno del DNA dovuto alla vecchiaia e, perfino, la rigenerazione. La ghiandola pineale inoltre favorisce il rilascio serotoninico, con azione antidepressiva, potenziando il sistema immunitario. Il Dr. Robert Becker, nel suo libro Cross Currents, dimostrò che il calcio, elemento indispensabile anche nei processi di guarigione, viene rilasciato ad una frequenza di sedici cicli al secondo, ossia il primo multiplo degli 8 Hz.
I ricercatori hanno visto che una corretta pratica della meditazione ad occhi chiusi stimola il cervello a lavorare con onde cerebrali di tipo alfa e che la sincronizzazione dei due emisferi cerebrali incomincia a lavorare a partire dagli otto cicli per secondo. Questa sincronizzazione biemisferica espleta una moderata azione antineoplastica ed incrementa la produzione di endorfine, sostanze endogene ad azione antidolorifica. A tale riguardo Ananda Bosman afferma che la tecnica immaginativa di Einstein, chiamata così proprio perché impiegata anche da Einstein per trovare intuizioni e soluzioni agli empasse scientifici del suo tempo porta in coerenza i due emisferi grazie al fatto che il cervello si setta sulle frequenze degli 8 Hz del profondo alfa.
Per approfondire sulla ghiandola pineale vedi Ghiandola Pineale.
Tratto da 432 hertz: La Rivoluzione Musicale di Riccardo Tristano Tuis
Riccardo Tristano Tuis: Compositore, scrittore e ricercatore è creatore della Neurosonic Programming, una tecnologia per la riprogrammazione neurale e il self improving. L'autore si fa inoltre promotore di una nuova scala musicale quantizzata sulla "matematica dell'8" (matematica presente in alcune funzioni biologiche), da sostituire all'odierna scala equo-temperata. La nuova scala rivoluziona l'intonazione della 432 Hz, rendendola completamente coerente alla matematica dell'8. Ha pubblicato il libro 432 hertz: La Rivoluzione Musicale e gestisce il sitowww.432hertzlarivoluzionemusicale.com.


http://www.dionidream.com/il-potere-degli-8hz-sviluppo-facolta-e-percezioni-eccezionali/

 

 
 
 

Raphael Mechoulam, padre della ricerca sui cannabinoidi: "La cannabis è la medicina del futuro"

Post n°2533 pubblicato il 15 Dicembre 2014 da stella112
 

 

 

L'uomo nella foto accanto si chiama Raphael Mechoulam ed è l'84enne scienziato israeliano nato a Sofia nel 1930 che ha scoperto il THC quasi 50 anni fa. Ha già un dottorato, ma a fine 2013 ne ha ricevuto uno ad honorem dalla commissione della Ben-Gurion University per gli alti meriti nella ricerca scientifica sui cannabinoidi durante tutta la sua carriera.

"Nel profondo apprezzamento di un eminente scienziato - hanno spiegato durante il conferimento del dottorato - che studia la chimica dei materiali di origine vegetale e le loro funzioni medicinali, uno scopritore del principio attivo nella pianta di cannabis, il tetraidrocannabinolo, e cannabinoidi endogeni nel cervello umano, la cui ricerca innovativa ha stabilito la fondazione per la ricerca dei cannabinoidi a livello globale; In riconoscimento di un ricercatore poliedrico il cui lavoro comprende sia ricerca di base, sia applicata, e spazia dall'analisi chimica dei prodotti naturali per i loro effetti psico-fisiologici sul corpo umano, alla scoperta dei recettori e dei materiali nel cervello umano per lo sviluppo di terapie per le malattie croniche e l'alleviamento della sofferenza".
Raphael MechoulamIl regista israeliano Zach Klein ha registrato l'evento per inserirlo in un documentario sul dottor Mechoulam sul quale sta lavorando e che sarà chiamato "The Scientist". Il dottor Mechoulam è ampiamente riconosciuto come il padre della ricerca cannabinoidi e ha ricevuto molti premi prestigiosi per il suo lavoro, come preso atto dalla commissione, tra i quali il Premio Israeliano per la Chimica.Dopo aver sintetizzato per primo il THC nel 1964, il dottore ha dedicato il resto della sua carriera allo studio della cannabis e dei suoi vari usi medici. Arrivando a pubblicare quasi 400 studi scientifici, 200 dei quali proprio sui cannabinoidi. Nel 1982 è diventata celebre una sua tesi che sostiene che se la cannabis fosse legale, sostituirebbe immediatamente il 10-20% di tutti i medicinali farmaceutici. Il laboratorio del dottor Mechoulam è stato protagonista di un'altra scoperta storica nel 1992, quando uno dei suoi colleghi è diventato il primo a scoprire una sostanza chimica simile al THC presente nel cervello umano che si chiama anandamide.Nonostante i tentativi arrivati da più parti per offuscare la sua ricerca, anche l' US National Institute on Drug Abuse (NIDA), gli ha dato il suo riconoscimento, dando al dottore il premio Discovery nel 2011 per il suo«straordinario lavoro nelle neuroscienze».Oggi, il dottor Mechoulam continua a lavorare a favore della ricerca sulla marijuana in medicina in Israele, dove la cannabis a livello terapeutico è legale ma ancora molto dibattuta. Dopo qualche mail andata a vuoto siamo riusciti a contattarlo ecco qui sotto la nostra chiacchierata a distanza.
Lei che è considerato il padre della ricerca sui cannabinoidi, come considera il futuro della ricerca sulla cannabis terapeutica?Molto probabilmente la cannabis terapeutica con vari rapporti di CBD/THC sarà una soluzione valida per molto tempo. Anche varietà mediche con terpeni meglio definiti diventeranno prodotti commerciali. Parallelamente anche il CBD puro sarà sul mercato e poco dopo composti sintetici di CBD saranno introdotti dalle compagnie farmaceutiche e probabilmente anche agonisti sintetici dei recettori CB2, che non si legano ai recettori CB1 e quindi non sono psicoattivi, ma hanno un effetto potente sui recettori CB2.
Quando ha isolato per la prima volta il THC aveva idea del suo potenziale terapeutico?Francamente non ne avevo idea!
Crede che debba essere ancora scoperto qualche cannabinoide importante?Dubito che verranno scoperti nuovi importanti cannabinoidi vegetali. Molto probabilmente si scopriranno attività specifiche dei cannabinoidi cosiddetti "minori".
Cosa può dirci riguardo alla ricerca sulla'"effetto entourage" della cannabis?È stato dimostrato che il CBD condiziona l'effetto del THC, ma l'interazione con altri cannabinoidi non è stata studiata. È probabile che anche i terpeni presenti siano parte e causa dell'"effetto entourage", ma, ancora una volta, non sono state effettuate ricerche in merito.
Da scienziato cosa ci può dire degli effetti della cannabis sulle emozioni?Al giorno d'oggi non si conosce il motivo per cui una sostanza chimica - qualunque essa sia - causi dei cambiamenti emotivi. I cannabinoidi possono aiutare a regolare il rilascio di neurotrasmettitori (dopamina etc...), ma perché questa regolazione porta a cambiamenti emotivi? C'è un muro molto alto che separa la chimica e la biologia dalle emozioni, e in certi casi non ci sono strumenti che ci possano aiutare. Il THC e molti altri cannabinoidi hanno molti effetti bi-fasici. A basse dosi danno un effetto, a dosi elevate un altro, a volte addirittura opposto. Questo è certamente vero per la cognizione. Il meccanismo di questo effetto bifasico non è chiaro. È possibile che una dose bassa di THC si leghi ad un recettore cannabinoide, e a dosi più elevate si leghi anche ad altri recettori che portano ad effetti diversi.
Dopo aver dedicato la sua vita alla ricerca, oggi lavora ancora?Sono stato autore di circa 400 pubblicazioni, scientifiche coprendo molti aspetti della chimica e degli effetti biologici dei prodotti naturali. Circa 250 di questi studi sono sui cannabinoidi. Ora lavoro in un piccolo laboratorio, con 2 o 3 studenti e 3 dottorandi in chimica part time. La maggior parte del mio lavoro lo svolgo in collaborazione con farmacologi e medici in Israele e all'estero.
Ha mai pensato di entrare in politica? E come vede il rapporto tra la medicina tradizionale e la cannabis?No, dovrei essere matto per entrare in politica. Ma sono stato Rettore della mia Università molti anni fa e sono stato a capo della Divisione Scienze dell'Accademia delle Scienze di Israele. L'establishment medico è conservatore e fino a che i cannabinoidi non saranno stati sottoposti a studi clinici moderni dubito che vedremo la loro accettazione generale. Questo cambierà quando una grande azienda farmaceutica si presenterà con un cannabinoide che ha attraversato la strada moderna degli studi clinici.
Mario Catania
Pubblicato sulla rivista Cannabis terapeutica, n°3 - novembre/dicembre 2014 

Fonte: cannabisterapeutica.info
Link

 

 

 
 
 

11 Cose che Deprimono il Sistema Immunitario

Post n°2532 pubblicato il 15 Dicembre 2014 da stella112
 

 

 

di M. Chan
Traduzione di Anticorpi.infoL'habitat, gli alimenti, i farmaci assunti e lo stile di vita, possono incidere negativamente sul nostro sistema immunitario. Avere un'idea delle modalità con cui ciò accade può fare una notevole differenza nella prevenzione di molte patologie.


1. Zuccheri
Il saccarosio deprime il sistema immunitario e drena minerali preziosi dall'organismo. Anche in piccole dosi lo zucchero è dannoso per la salute. Assumere 100 grammi (8 cucchiai) di zucchero, equivalenti a circa due lattine di una bibita, può ridurre del 40% l'attività germicida dei nostri globuli bianchi. L'effetto di depressione immunitaria provocato dallo zucchero ha inizio circa 30 minuti dopo l'assunzione e dura fino a cinque ore. Al contrario l'ingestione di carboidrati complessi o amidi non produce alcun effetto sul sistema immunitario. Se si assume zucchero di mattina, pomeriggio e sera, l'organismo resta cronicamente in uno stato di caos che alla lunga diventa nocivo. Inoltre, lo zucchero è un killer di nutrienti, cioè provoca la non assunzione di sostanze nutritive! Alcuni nutrienti sono neutralizzati dallo zucchero nel processo metabolico.

2. Carenza di sonno
Avrete notato che la scarsa quantità di sonno comporti un incremento delle probabilità di contrarre raffreddori o altre infezioni. La carenza di sonno può causare un incremento di produzione dell'ormone dello stress, e maggiore predisposizione alle infiammazioni. Anche se i ricercatori non sono esattamente certi di come il sonno riesca a rinsaldare il sistema immunitario, è appurato che fare almeno sette ore di sonno ogni 24 sia un grande aiuto per la conservazione di una buona salute. La carenza di sonno inoltre influisce negativamente sulla secrezione di melatonina. La melatonina è una potente barriera contro i radicali idrossili e due volte più efficace della vitamina E contro i radicali perossidici.

3. Vaccini
Contrariamente al parere di molti medici, i vaccini indeboliscono il sistema immunitario, piuttosto che fortificarlo (v. correlati). Non di rado contengono sostanze chimiche e metalli pesanti come mercurio e alluminio, cioè agenti immuno-depressivi. Il mercurio provoca cambiamenti nell'attività dei linfociti, diminuendone la vitalità. I vaccini inoltre alterano alcuni equilibri a livello di anticorpi, proprio come accade nelle patologie comprese sotto il nome di AIDS. Il nostro sistema immunitario si sovraccarica per fare fronte a sostanze estranee come i metalli pesanti, mentre i virus sono liberi di riunirsi in una comunità, crescere e moltiplicarsi. E' un po' come cercare di nuotare dopo essere stati incatenati e ammanettati.

4. Farmaci
Man mano che la ricerca progredisce, viene fuori che centinaia di farmaci accrescono la suscettibilità alle infezioni e deprimono le funzioni immunitarie. I ricercatori hanno osservato una riduzione delle citocine (ormoni messaggeri del sistema immunitario) in un numero significativo di consumatori di antibiotici. Molti farmaci ostacolano gli effetti suscitati dalla sinergia tra le cellule immunitarie ed i tessuti e gli organi deputati alla difesa dell'organismo da malattie, infezioni e virus. La maggior parte dei farmaci contengono anche un elevato livello di specifiche tossine che decimano i batteri benevoli intestinali, i quali sono una fonte primaria di protezione dell'organismo umano. Di conseguenza, l'uso a lungo termine di farmaci è associato ad una maggiore frequenza e durata delle infezioni.

5. Alcol
E' ormai cosa assodata che il consumo abituale a lungo termine di alcol produca gravi conseguenze nella salute fisica e mentale delle persone. Bere un paio di bicchieri di vino al giorno è generalmente considerato un buon modo per aiutare la salute cardiovascolare e del cervello. Ma un studio della Rutgers University ha indicato che il consumo costante possa ridurre del 40% la produzione di cellule cerebrali in un adulto. L'alcol inoltre nuoce alla capacità del sistema immunitario di combattere infezioni e malattie. Il consumo eccessivo di alcol alla lunga conduce alla deficienza immunitaria in due modi: carenza nutrizionale e riduzione dei globuli bianchi. L'alcol altera la metabolizzazione dei nutrienti a causa dei danni che causa alle cellule nel tratto digestivo, e interferisce con la secrezione di alcuni enzimi necessari alla digestione. L'alcol può anche impedire l'assorbimento di importanti vitamine al livello epatico.

6. Cereali raffinati
I cereali raffinati come la farina bianca, il riso istantaneo, la pasta arricchita e molti tipi di fast food contengono poche sostanze nutritive e poche fibre rispetto alle controparti integrali. Un consumo prolungato eccessivo di cereali raffinati e cibi altamente trasformati contenenti pesticidi, additivi chimici e conservanti può indebolire il sistema immunitario e predisporre ad alcune malattie croniche. Uno studio pubblicato sull'American Journal of Clinical Nutrition ha appurato che nelle 5 ore successive l'ingestione di 100 grammi di alimenti trasformati la capacità battericida dei globuli bianchi si riduca notevolmente. La nostra dieta moderna fatta di prodotti alimentari trasformati, take away e pasti da microonde potrebbe essere concausa del forte incremento delle malattie autoimmuni come la sclerosi multipla, ma anche dell'alopecia, dell'asma e degli eczemi.

7. Stress cronico
Un lieve livello di stress può giovare all'organismo. Il modo di gestire, reagire e affrontare lo stress è un fattore importante per la salute. Molte persone ignorano che il livello di stress abbia una grande influenza sull'efficienza del nostro sistema immunitario. Lo stress cronico incrementa i livelli di cortisolo, e ciò riduce la produzione di prostaglandine 'buona.' Lo stress cronico può rendere più soggetti a raffreddori e influenze stagionali, e può concorrere a problemi di salute più gravi, come patologie cardiache, diabete e altre malattie. Praticando attività di riduzione dello stress come lo yoga, la meditazione e le risate, è possibile evitare che l'organismo entri in uno stato di stress cronico.

8. Carenza di vitamina D
Quando la vitamina D (v. correlati) si lega ad alcuni specifici recettori, si innesca una catena di eventi in cui molti agenti patogeni, ad esempio le cellule tumorali, sono neutralizzati. La carenza di vitamina D può quindi indebolire questo sistema, con susseguente incremento delle probabilità che la malattia si sviluppi. È uno dei motivi per cui le persone che vivono nei pressi dell'equatore hanno un'incidenza molto inferiore (o assente) di molte malattie. Benché la vitamina D possa essere assunta mediante alcune limitate fonti alimentari, il miglior modo di sintetizzarla è l'esposizione diretta al sole durante i mesi primaverili ed estivi. 30 minuti di esposizione a torso nudo nei mesi più caldi equivalgono a circa 10.000 unità (UI) di vitamina D.

9. Disidratazione
La disidratazione cronica può influire in molti modi sullo sviluppo di malattie croniche. Alcune evidenze indicano che la disidratazione possa essere correlata alla suscettibilità ad alcune specifiche forme tumorali. E' di vitale importanza mantenere un buon livello di idratazione per supportare la eliminazione dei sottoprodotti di qualsiasi malattia e aiutare il sistema immunitario a combattere le infezioni. La disidratazione può influenzare la vostra energia, il vostro sonno e la vostra capacità di espulsione delle tossine dal'organismo.

10. Ansia e paura
Le emozioni negative possono pregiudicare le funzioni dell'organismo. Come nel caso dello stress, se cronicizzate le emozioni negative comportano un drammatico incremento del livello di cortisolo. I rischi della vita moderna agiscono come una morsa sull'immaginazione della gente. I sociologi la chiamano Fenomenologia della Società del Rischio, descrivendola come una cultura sempre più preoccupata da minacce di ogni tipo, sia reali che percepite, ma di certo interiorizzate. La paura crea un senso di urgenza nel corpo e stimola la reazione del sistema simpatico. L'ansia e la paura influenzano l'intero stato di salute del corpo, i livelli ormonali e il modo in cui le nostre cellule immunitarie sono in grado di difenderci.

11. Additivi alimentari industriali e tossine
Additivi e coloranti usati dall'industria alimentare sono tra le principali cause di ADHD, asma, cancro e molte altre malattie, in quanto responsabili della creazione un ambiente tossico per la nostra salute. Ogni anno i produttori di alimenti integrano 15.000.000 di dollari di coloranti alimentari artificiali nei cibi americani - e tale stima ha preso in considerazione appena otto diverse varietà di cibo, secondo quanto affermato dal Centro per la Scienza nell'Interesse Pubblico (CSPI). Oltre a tumori, malformazioni congenite e reazioni allergiche, le miscele di tossine alimentari industriali possono causare malattie autoimmuni.

Articolo in lingua inglese, pubblicato sul sito Prevent Disease
Link diretto:http://preventdisease.com/news/14/121014_11-Significant-Factors-Guaranteed-Depress-Immune-System.shtml
Traduzione a cura di Anticorpi.infoLink

 
 
 

Nel silenzio dei media, in Ucraina si continua a morire VIDEO

Post n°2531 pubblicato il 14 Dicembre 2014 da stella112
 

 

Nelle ultime settimane l'aviazione ucraina ha bombardato pesantemente la zona di Kirovsk, vicino al confine con la Russia. Sganciate anche bombe a frammentazione. (video)

di Franco FracassiI media non ne parlano più, ma in Ucraina c'è ancora la guerra e si continua a morire. È il caso della città di Kirovsk: trentacinquemila abitanti, a cinquanta chilometri a ovest di Lugansk, non lontano dal confine con la Russia. Secondo quanto riferiscono le stesse agenzie ucraine, l'aviazione di Kiev da settimane bombarda pesantemente la zona, sotto il controllo dei miliziani del Donbass, senza prestare alcuna attenzione ai civili. Dai video e dalle foto si riconoscono perfino esplosioni dovute a bombe a frammentazione, vietate dalla Convezione di Ginevra.«Stavo lavorando, quando è venuto giù tutto in seguito a un'esplosione». L'uomo ha appena perso la moglie e la nipote. «Che cavolo di mondo è questo!». Urla, si dispera, insulta il presidente ucraino Petro Poroshenko, accusandolo del bombardamento della sua casa. «Ira. Abbiamo passato trentatré anni insieme! Hanno portato via la mia piccola Sveta!».
http://youtu.be/ity0CrYP-Gs
Il video del ritrovamento della cinquantatreenne Ira e della nipota Sveta (dieci anni).

Fonte: popoffquotidiano.it

 

http://informatitalia.blogspot.it/2014/12/nel-silenzio-dei-media-in-ucraina-si.html

 

NON DIMENTICATE IL FATTO CHE VOGLIONO FARE LA TERZA GUERRA MONDIALE.... QUESTO E' QUELLO CHE CI ASPETTA... SE NON REAGIAMO FORTEMENTE CONTRO QUESTO REGIME CHE SI MASCHERA DIETRO UNA DEMOCRAZIA FASULLA.

 
 
 

Piramidi di Visoko, nuovi strabilianti risultati

Post n°2530 pubblicato il 13 Dicembre 2014 da stella112
 

 

Il progetto archeologico più attivo al mondo si prepara a chiudere la stagione 2014 il 21 settembre. Un totale di 375 persone hanno partecipato da 29 paesi in una stagione di quattro mesi d'indagine. L'indagine quest'anno si è concentrata in tre aree principali:
l'accumulo di materiali culturali a sostegno di attività umane nel lontano passato;caratterizzazione e analisi dei materiali;conservazione di elementi archeologici.La Valle bosniaca delle Piramidi copre circa 40km^2, comprende 6 strutture principali e il complesso del tunnel sotterraneo. Si trova 30 km a nord della capitale Sarajevo, Bosnia-Erzegovina, nella città di Visoko. La ricerca nel complesso del tunnel di Ravne si è concentrata sull'individuazione di attività culturali a sostegno della costruzione umana e della teoria dell'occupazione. "Abbiamo chiara evidenza di materiali da costruzione concentrati intorno ad una zona conosciuta come Monolite k5, sepolto a 200m nella terra", ha commentato il Direttore Timothy Moon. Il megalite K5 è di un materiale ceramico all'esterno, è posizionato nel piano del complesso del tunnel a pochi metri del centro al di sopra della falda. Il Monolite è in realtà una mega ceramica, è sepolto sotto centinaia di migliaia di tonnellate di conglomerato depositato a un certo punto nel lontano passato. Si stima che abbia una massa superiore a 100 tonnellate. "Pietre di fondazione e grandi blocchi sono stati localizzati sulla parte superiore della struttura archeologica, cosa che stabilisce il suo utilizzo da parte dell'uomo primitivo come sito professionale o cerimoniale. Nelle immediate vicinanze abbiamo trovato 8 blocchi di pietra modificati e oggetti d'arte "- dice Moon.
La datazione al carbonio 14 nel 2013 ha fornito un riferimento temporale di 20,100BP (before present). Queste scoperte confermano l'attività umana nel sito prima della deposizione di milioni di tonnellate di conglomerato. Ulteriori indagini sono in corso all'interno del labirinto. Una sezione di 70m di gallerie antiche è in fase di scavo seguendo 3 punti, 1 conservazione dell'architettura originaria, design e ingegneria, 2 profili di datazione al sistema di tunnel, 3 esplorazione del collegamento alle gallerie di accesso alle piramidi. Nel mese di luglio una squadra di sommozzatori guidata dal dottor Semir Osmanagich, scopritore e ricercatore principale e Timothy Moon, direttore archeologico, è entrata in una sezione di 200 m di acqua in profondità all'interno del labirinto sotterraneo per indagare sui suoi parametri. Del materiale da stalattiti è stato recuperato nel processo e presentato per la datazione negli Stati Uniti. Il materiale è importante in quanto stabilisce una firma temporale minima prima della quale il sistema di tunnel esisteva, cioè le stalattiti si possono formare solo dopo la costruzione del tunnel. I risultati delle analisi al carbonio 14 certificano una data calibrata di 7,400BP. Per espandere su questa data devono essere fornite considerazioni sul tasso di crescita e la massa della stalattite. Un campione di 30 millimetri è stato recuperato dalla estremità esposta e distale di un cristallo nel soffitto di 125 mm di lunghezza. Ciò fornisce un ulteriore indizio per l'antichità del sistema di tunnel ora stimata oltrei 22,000BP.
La Fondazione Piramide Bosniaca ha stabilito per le fasi costruttive per le caratteristiche piramidali una datazione di circa 30,000BP e una complementare serie di date per il labirinto di tunnel che risale ai 20,100BP. Le piramidi bosniache rappresentano una antica civiltà da un periodo precedente l'ultima era glaciale, un periodo in cui gli homo sapiens sapiens si suppone fossero nomadi cacciatori-raccoglitori che vivevano in bande sciolte carenti nell'organizzazione e non in possesso conoscenze necessarie per costruire l'architettura megalitica.
"Ancora una volta, questo progetto archeologico presenta prove scientifiche a sostegno di una grande civiltà esistente nel tempo pre-diluviano. L'accumulo di dati scientifici, beni culturali e caratteristiche archeologiche semplicemente non può essere ignorato più dall'accademia, farlo significa negare al popolo del Mondo una verità. Siamo impegnati a perseguire la valutazione scientifica a sostegno delle strutture antiche e annunciamo questi risultati come prova di una civiltà veramente antica, avanzata e dimenticata", dichiara Moon.
Timothy Moon
Archaeological Project Manager
Archaeological Park
Bosnian Pyramid of the Sun Foundation
Bosnia Herzegovina
piramidasunca.ba

 

 

 
 
 

Scoperti sette capodogli spiaggiati in Australia, per gli esperti è un mistero

Post n°2529 pubblicato il 12 Dicembre 2014 da stella112
 

 

Mistero in Australia per lo spiaggiamento di sette capodogli ritrovati su una remota spiaggia del Sud Australia. Stando ad un rapporto diffuso oggi, le balene, tra cui alcuni adulti, sono state trovate a circa 4 chilometri a sud di Ardrossan, sulla penisola di Yorke. E' "uno spettacolo orrendo" ha commentato la responsabile per il Governo del benessere degli animali, Deborah Kelly. "E' un evento raro" ha detto Kelly al quotidiano Adelaide Advertiser. Il ritrovamento ha letteralmente sconcertato gli esperti di cetacei. Il ricercatore senior di mammiferi del South Australian Museum, Cath Kemper, ha esplicitamente detto che si potrebbe "non arrivare mai a conoscere il motivo" che ha spinto i capodogli a spiaggiarsi. "Sono al museo da 31 anni e non abbiamo mai registrato un annegamento massa di capodogli" ha aggiunto Kemper.


http://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2014/12/08/scoperti-sette-capodogli-spiaggiati-australia-per-gli-esperti-mistero_WtBFaB0J9OFVs0xcW8OPDM.html

 

 
 
 

L'ENIGMA DELLA SFINGE E LA SUA CONTROVERSA DATAZIONE

Post n°2528 pubblicato il 12 Dicembre 2014 da stella112
 

 

Scolpita sul luogo nella pietra calcarea, la Sfinge della Piana di Giza è una tra le più grandi statue al mondo. L'enigmatica statua leonina è oggetto di accesi dibattiti nella comunità scientifica, la quale non riesce ancora a trovare un parere univoco sulla sua datazione.

L

mistero-della-sfinge

a sfinge è una figura mitologica raffigurata come un mostro con il corpo di leone e testa umana (androsfinge).La sua icona più famosa, tra le più grandi mai realizzate, si trova in Egitto, sulla piana di Giza, area che condivide con le famose tre piramidi.Scolpita in loco nella pietra calcarea, la Sfinge di Giza è la più grande statua monolitica tra le sfingi egizie: lunga 73,5 metri, alta 20,22 metri e larga 19,3 metri di cui solo la testa è 4 metri. Il monumento fu probabilmente ricavato da un affioramento di roccia, mentre alcune parti sono state costruite o riparate con l'aggiunta di blocchi di roccia tagliati.Comunemente, egittologi e storici ritengono che la Sfinge sia stata costruita durante il regno del faraone Chefren, intorno al 2500 a.C., in concomitanza con la costruzione delle piramidi.Eppure, alcuni ricercatori ritengono che la Grande Sfinge di Giza potrebbe essere migliaia di anni più antica di quanto comunemente ritenuto, un dubbio che serpeggia nella comunità archeologica da decenni e che alimenta un acceso dibattito.

 

scale-750x750-1

scale-750x750



All'inizio degli anni '90, il dottor Robert M. Schoch, geologo presso la Boston University, è stato uno dei primi a mettere in discussione il dogma sulla datazione della Sfinge, annunciando che il monumento potrebbe essere stato realizzato tra il 9000 e il 5000 a.C., anticipando la cultura dinastica egiziana."Nel 1990, ho viaggiato in Egitto con il solo scopo di esaminare la Grande Sfinge da punto di vista della geologia", spiega Schoch nell'articolo comparso su Epoch Times. "Ero convinto che la datazione degli egittologi fosse corretta. Ma, ben presto, ho scoperto che le prove geologiche non erano compatibili con quello che gli egittologi dicevano".Infatti, i rilievi geologici eseguiti sulla Sfinge sembrano puntare a tempi decisamente più remoti. Sul corpo della sfinge sono presenti evidenti segni di erosione dovuti all'esposizione continua all'acqua piovana, ipotesi accettata dalla comunità scientifica.L'egittologia ufficiale non sa come spiegare questo fatto, considerando che le ultime piogge in grado di sortire tali effetti nella regione di Giza risalgono alla fine dell'ultima glaciazione."Ho riscontrato caratteristiche di erosione pesante, concludendo che tale fenomeno potrebbe essere stato causato solo da piogge intense", spiega Schoch. "Il problema è che la Sfinge siede sul bordo del deserto del Sahara, una regione che è stata decisamente arida negli ultimi 5000 anni".Schoch ha avuto la possibilità di confrontare diverse strutture vicine risalenti a diversi periodi della storia egizia. Ebbene, queste strutture mostrano esempi precisi di erosione dovuta al vento e alla sabbia, fenomeno che differisce notevolmente rispetto all'erosione causata dall'acqua.Si è tentato anche di spiegarne la causa con le esondazioni del Nilo, ma i segni dell'erosione presenti, che presentano un'erosione più marcata in alto e meno marcata in basso, sono incompatibili con quelli che causerebbe un'erosione dovuta all'acqua del fiume, che causerebbe segni di erosione più evidenti alla base della statua.Tanto è bastato per far concludere al dottor Schoch che la Sfinge deve risalire ad un periodo molto più antico rispetto a quello indicato dall'egittologia dogmatica. A suo parere, la Sfinge "deve" risalire ad un periodo compreso tra il 9000 e il 5000 a.C., quando la zona era molto più interessata da precipitazioni intense.Curiosamente, la più antica raffigurazione di sfinge conosciuta (una scultura) è stata trovata vicino a Göbekli Tepe in Turchia, nel sito di Nevali Çori, e viene datata al 9500 a.C.Inoltre, ad un esame più attento, Schoch ritiene che il faraone Chefren abbia semplicemente ristrutturato la Sfinge, incorporandola nel suo complesso funerario. La Sfinge era già lì da migliaia di anni; essa potrebbe essere stata alterata per tutto il periodo dinastico dell'antico Egitto."È evidente a chiunque che l'attuale testa non è quella originale: essa avrebbe mostrato i stessi segni di erosione del corpo. È chiaro che è stata ri-scolpita e alterata durante i periodi dinastici. Chiaramente, nella ri-scultura la testa divenne più piccola", continua Schoch. Egli ha suggerito che nella sua forma originale la Sfinge di Giza potrebbe non essere stata una sfinge, ma un leone gigantesco.

 

sfinge-leone



Naturalmente, queste conclusione hanno scioccato molti scienziati, storici ed egittologi, i quali sostengono con forza che non ci sono prove di una civiltà che possa aver costruito un monumento come la Sfinge così indietro nel tempo.Tuttavia, fin dai primi anni '90, molti altri siti archeologici sono stati scoperti, i quali precedono ogni civiltà conosciuta. Uno di questi, guarda caso, è proprio il sito di Göbekli Tepe.

Fonte: ilnavigatorecurioso

 

 

 
 
 

Canapa: La pianta miracolosa! (MA È ILLEGALE PERCHÈ I MILIARDARI VOGLIONO RIMANERE MILIARDARI!)

Post n°2527 pubblicato il 11 Dicembre 2014 da stella112
 

 

zzz

La fibra di canapa è di qualità nettamente superiore a quella di legno e servono molte meno sostanze chimiche caustiche per produrre carta dalla canapa che dagli alberi. La carta di canapa non ingiallisce ed ha una durata molto lunga. In una stagione la pianta diventa rapidamente adulta, mentre gli alberi hanno bisogno di una vita intera...

 

TUTTI I PRODOTTI DI PLASTICA DOVREBBERO ESSERE DERIVATI DALL'OLIO DI SEMI DI CANAPA

La plastica di canapa è biodegradabile! Col tempo si distruggerebbe e non danneggerebbe l'ambiente. Le materie sintetiche a base di petrolio, quelle che conosciamo noi, contribuiscono a rovinare la natura perché non si distruggono, e provocheranno gravi danni in futuro. I processi di produzione dei numerosi tipi di plastiche naturali di canapa non rovineranno i fiumi come hanno fatto la Dupont e altre società petrolchimiche. L'ecologia non si integra coi piani dell'industria petrolifera e con la macchina politica. I prodotti di canapa sono sicuri e naturali.

LE MEDICINE DOVREBBERO ESSERE PRODOTTE CON LA CANAPA

Dovremmo tornare ai tempi di quando l'AMA appoggiava le cure a base di canapa. La 'MARIJUANA medicinale' è distribuita legalmente solo ad un ristrettissimo gruppo di persone, mentre gli altri sono serrati nella morsa di un sistema che fa affidamento sulle sostanze chimiche. La canapa porta solo beneficio al corpo umano.

LA FAME NEL MONDO POTREBBE FINIRE

Dalla canapa si possono ricavare molte varietà di cibi. I semi contengono una delle fonti maggiori di proteine in natura. INOLTRE: contiene due acidi grassi essenziali che ripuliscono il corpo dal colesterolo e che non si trovano altrove in natura! Il consumo di semi di canapa è la cosa migliore che si possa fare per il proprio corpo. Mangiate semi di canapa crudi.

I VESTITI DOVREBBERO ESSERE FATTI DI CANAPA

Gli abiti di canapa sono estremamente resistenti e duraturi nel tempo. I vestiti di canapa potrebbero essere passati ai propri nipotini. Oggi esistono società americane che producono vestiti di canapa, di solito con il 50% di questa fibra, ma le fabbriche di canapa dovrebbero essere dappertutto, e invece sono quasi sempre clandestine. Non si può fare pubblicità dei prodotti superiori di canapa sulla televisione fascista. Il Kentucky, che una volta era il primo stato produttore di canapa, ha PROIBITO DI INDOSSARE abiti di canapa! Rendiamoci conto: si può finire in galera per aver indossato dei jeans di buona qualità!

CANAPA E COTONE  laviadiuscita.net

Il mondo è impazzito... ma questo non significa che bisogna far parte dei pazzi. Uniamoci e diffondiamo le informazioni. Raccontiamo a tutti la verità, compresi i nostri bambini. Usiamo prodotti di canapa ed eliminiamo la parola 'MARIUANA', diventando consapevoli della storia della sua nascita. Rendiamo politically incorrect pronunciare o stampare la parola M. Combattiamo la propaganda (creata per favorire i piani dei super ricchi) e le menzogne. In futuro dovremo usare la canapa perché abbiamo bisogno di una fonte di energia pulita per salvare il nostro pianeta.INDUSTRIALIZZIAMO LA CANAPA!

Le società produttrici di liquori, tabacco e petrolio finanziano con milioni di dollari al giorno la Partnership for a Drug-Free America ed altre istituzioni simili. Tutti noi abbiamo visto le loro pubblicità. Ora il loro motto è diventato: 'È più pericolosa di quanto si creda.' Le bugie delle potenti corporation, che iniziarono con Hearst, sono vive e vegete ancora oggi.

Il lavaggio del cervello continua. Ora le pubblicità dicono: Chi compra uno spinello contribuisce agli omicidi e alle guerre tra bande. L'ultima campagna contro la canapa dichiara: Chi compra uno spinello... promuove il TERRORISMO! Il nuovo nemico (il terrorismo) ha spianato la strada al lavaggio del cervello in qualsiasi maniera che LORO reputino appropriata.

Esiste solo un nemico e sono quelle care persone alle quali pagate le tasse: i guerrafondai e i distruttori della natura. Attraverso i vostri finanziamenti stanno uccidendo il mondo proprio davanti ai vostri occhi. MEZZO MILIONE DI MORTI ALL'ANNO A CAUSA DEL TABACCO. MEZZO MILIONE DI MORTI ALL'ANNO A CAUSA DELL'ALCOL.

L'ingestione del THC, il principio attivo della canapa ha un effetto positivo e migliora l'asma e il glaucoma. Uno spinello tende ad alleviare la nausea causata dalla chemioterapia. Con la canapa viene fame. È un modo di essere sano.

È una pianta ALIENA.
Ci sono dimostrazioni fisiche che la canapa non è come le altre piante di questo pianeta. Si potrebbe concludere che sia stata portata qui a beneficio dell'umanità. La canapa infatti è l'UNICA pianta in cui i maschi e le femmine hanno un aspetto molto diverso, fisicamente! In ambito vegetale nessuno parla di maschi e di femmine, perché le piante non mostrano il loro sesso, ad eccezione della canapa. Per determinare il sesso di una qualsiasi pianta Terrestre normale bisogna guardare all'interno, nel suo DNA. Un filo d'erba maschile ha lo stesso aspetto fisico di un filo d'erba femminile. La pianta di canapa ha un'intensa sessualità.

LA CANAPA È ILLEGALE PERCHÈ I MILIARDARI VOGLIONO RIMANERE MILIARDARI!

FONTE

 

 
 
 

NUOVA LEGGE IN UNGHERIA: IPERMERCATI CON CONTI IN ROSSO PER DUE ANNI CONSECUTIVI, DEVONO CHIUDERE (ANTI DUMPING!)

Post n°2526 pubblicato il 11 Dicembre 2014 da stella112
 

 

http://www.sapereeundovere.it

http://www.sapereeundovere.it

LONDRA - Da un po' di tempo l'Ungheria sta facendo parlare di se per via di alcuni provvedimenti adottati che vanno contro il pensiero dominante globalista e liberista.

Tali provvedimenti seguono le regole elementari del buonsenso ma ovviamente questo da' molto fastidio ai poteri forti globalisti i quali non tollerano che l'esecutivo ungherese possa danneggiare i loro interessi per venire incontro alle esigenze dei cittadini e protegga le piccole imprese dallo strapotere delle multinazionali.

Per loro sfortuna pero' il partito di governo ungherese non si fa intimidire e continua ad andare controcorrente per tutelare meglio gli interessi dei suoi elettori e proprio in questi giorni ha preso un provvedimento che dovrebbe servire da esempio a tutti i politici di casa nostra.

E difatti con 116 voti a favore, 34 contrari e 25 astensioni il parlamento ungherese pochi giorni fa ha approvato una legge  che impone la chiusura ai grandi esercizi commerciali che avranno presentato fatturati in rosso per due anni consecutivi e che entrerà in vigore dal 2018.

I motivi che hanno spinto i parlamentari ungheresi ad approvare questa legge stanno nel fatto che le catene di negozi, dal capitale forte, possono permettersi di generare perdite per anni al fine di portare i prezzi al ribasso minando in tal modo le imprese locali che non sono in condizione di competere. La tecnica è nota col nome di "dumping" (

Con dumping, che è un termine di lingua inglese, si indica, nell'ambito del diritto ma il concetto deriva dalla dottrina economica, una procedura di vendita di un bene o di un servizio su di un mercato estero (nel caso specifico quello dell'Ungheria) ad un prezzo inferiore rispetto a quello di vendita (o addirittura a quello di produzione) del medesimo prodotto sul mercato di origine, ad esempio gli Stati Uniti o la Germania. Questo, al fine di danneggiare gravemente la concorrenza locale e conquistare il mercato, per poi alzare i prezzi e riprendere a guadagnare.

Grazie a questo provvedimento - invece - si introduce un meccanismo che protegge i piccoli negozi dalla competizione sleale portata avanti dalle grandi catene di distribuzione (che in Ungheria sono per lo piu' straniere) e previene la chiusura di tante attività commerciali che tanti danni ha creato in altri paesi.

Ma questo provvedimento prevede altre interessantissime novita'.

Infatti, a partire dal 2018 tale normativa vieta  l'operatività di supermercati superiori ai 400 metri quadrati nelle zone di Budapest designate Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO che includono le rive del Danubio e l'area attorno il castello di Buda. Questi centri commerciali dovranno chiudere e traslocare lontano.

Ovviamente una legge simile dovrebbe essere approvata anche in Italia dove i danni causati dall'apertura senza limiti di centri commerciali e supermercati sono evidenti a tutti coloro che vivono in quartieri pieni di negozi chiusi ma questo non accadra' mai anche perche' tale provvedimento danneggerebbe parecchio che varie coop che da decenni finanziano i partiti di sinistra e quindi cio' che sta avvenendo in Ungheria nel nostro paese rimane solo un bel sogno.

GIUSEPPE DE SANTIS - Londra

Fonte www.ilnord.it

 

 

 
 
 
Successivi »
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: stella112
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 47
Prov: VI
 

AREA PERSONALE

 
 

...

DA VEDERE E CONDIVIDERE

Il portale ufficiale del Parlamento 5 Stelle con tutte le notizie, gli articoli, le attività e i video

 

 

 SESSO E VITA DI COPPIA

Argomenti trattati con tatto

e sensibilità 

     Clicca qui   Google+   

 

 

PER I MENO ESPERTI

 

Qualcuno potrebbe chiedersi cosa sono i tags , sono gli argomenti trattati in questo blog, basta scegliere e selezionare l'argomento desiderato, i post richiesti verranno messi in prima pagina in ordine cronologico con il quale sono stati creati. Buona lettura a tutti e grazie per l'attenzione che mi dedicate.


 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ALCUNI POST IN QUESTO BLOG

MISTERI NEL MONDO

Ritrovamenti a dir poco strani che raccontano 

una storia diversa da quella

che si legge sui libri...

CLICCA QUI  Google+

 

 

 

SCIENZA E MEDICINA 

L'informazione giusta ti cambia la vita...

qui potresti trovare quella importante per te

clicca QUI   Google+

 

FILOSOFANDO

In questa pagina si parla di filosofia, metafisica,

di Dio... della vita in genere e...

della vita dopo la morte 

Clicca qui  Google+

 

 

Alcuni Argomenti trattati
nel blog
* Cliccami
*






tracker

 

FACEBOOK

 
 

IM

 

 

 

 

 

 

VIDEO DI ROBERTA

ULTIME VISITE AL BLOG

daredevil665stella112Gianfranco.Zecchinroberto_carli1vololowpsicologiaforensebepaapranzdiego.bisighinfranca53fsantonio.b1946lubopopgmmalakota55aldo.giornoa64sakra0
 

TULIPANI

 

 

 

 

 

SENTIERI PIÙ O MENO GIUSTI...

 

FORMANO UN UOMO

 

 

ULTIMI COMMENTI

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 245
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

STELLE

 

http://digilander.libero.it/AngeloSenzaVeli/universo-blogger.jpg